Aggredì un 20enne, il reato passa da tentato omicidio a lesioni gravissime

Cambia lo scenario per Sileymane Pam, il 23enne di origine senegalese, ritenuto l'autore del violento pestaggio ai danni del 20enne albanese Erikson Kotarja avvenuto il 17 luglio scorso a Conegliano

Una fase del pestaggio di cui è accusato Sileymane Pam

Derubricazione del reato da tentato omicidio a lesioni gravissime. Cambia lo scenario per Sileymane Pam, il 23enne di origine senegalese, ritenuto l'autore del violento pestaggio ai danni del 20enne albanese Erikson Kotarja avvenuto il 17 luglio scorso a Conegliano. La vittima non ha infatti rischiato la vita, dice la consulenza medica che è stata depositata, e malgrado i timori che potesse soffrire di danni permanenti è uscito dall'ospedale in una decina di giorni, cui sono seguiti altri 20 di convalescenza. Ma, e questa è la cosa più importante, è risultato positivo alla cocaina e altre sostanze ed in effetti avrebbe iniziato lui la rissa che poi ha portato al suo ferimento.

Sileymane Pam, incensurato e con la passione del calcio tanto da militare nelle formazioni giovanili di una squadra della zona, era stato arrestato a 24 ore di distanza da quel venerdì sera. L'ipotesi era che avesse colpito duramente e per tre volte Kotarja: una prima volta con un pugno sotto al mento sferrato con una violenza tale da farlo piombare a terra di spalle, poi era arrivato il secondo, dovuto all'impatto della nuca con l'asfalto. Infine il terzo, tremendo, un calcio che lo stesso senegalese ha inferto in fronte mentre la sua vittima era già a terra svenuto. Un colpo così forte da far cadere lo stesso aggressore, come mostra il video registrato dal telefonino di un passante.

Fondamentali per la prima ricostruzione erano stati i racconti dei testimoni, che hanno descritto uno scambio acceso di insulti tra Pam e il 20enne in piazza Aldo Moro, seguito dal forte rumore del giovane che batteva il capo a terra. Grazie al soprannome con cui è conosciuto in una zona già tristemente nota per fatti analoghi, su disposizione della magistratura il 23enne era stato rintracciato e sottoposto ad una perquisizione, alla ricerca degli degli indumenti calzati durante il pestaggio. Ma quello che i primi fotogrammi non avevano evidenziato è che l'albanese, che se l'era presa con un ragazzo marocchino (inizialmente indagato per concorso in tentato omicidio, ora solo per aver partecipato alla rissa) ha colpito per primo, sferrando un poderoso calcione a Pam, che ha quindi reagito. Kotarja era inoltre in preda agli effetti della cocaina, il che gli ha fatto perdere le staffe in fretta.

Il legale di Sileymane Pam, l'avvocato Tino Maccarrone, avrebbe raggiunto un accordo con il sostituto procuratore Massimo Zampicinini per un patteggiamento che, dice, spera essere per lesioni gravi e non gravissime. Stesso destino attende, con buona probabilità, il marocchino. Per questo ieri l'accusa ha rinunciato a sentire, in incidente probatorio, una delle testimoni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Assembramenti da happy hour in piazza Giorgione: «Sembrava di essere a Jesolo»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento