rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca Conegliano

«Ti spacco la testa»: lite di condominio approda in tribunale

A giudizio è finito un 30enne di Conegliano, che è accusato anche di aver portato fuori casa due bastoni della lunghezza di quasi un metro e così dare seguito alle sue parole intimidatorie

«Napoletano di m...scendi se hai il coraggio». Sono queste alcune delle frasi incriminate che hanno portato a processo M.A., 30enne di Conegliano. Il giovane, che deve rispondere di minaccia, è accusato anche di aver portato fuori casa due bastoni della lunghezza di quasi un metro e così dare seguito alle sue parole intimidatorie.

Vittima dell'aggressione, per fortuna solo verbale, G.A., 23enne nato a Napoli. La vicenda risale al 7 febbraio del 2018. All'origine screzi condominiali, che hanno raggiunto il loro apice intorno alla mezzanotte di quel giorno, con il giovane coneglianese che urla imbestialito. «Vieni giù - ha detto M.A. - che ti spacco la testa. Te la faccio pagare, io ti ammazzo». E per rendere più credibile la minaccia ha estratto un bastone  di circo 70 centimetri. Scena che poi si è ripetuta anche il giorno dopo.

Al ragazzo di Napoli quindi non è rimasta altra via che la denuncia. Nel processo iniziato stamattina, lunedì 12 ottobre, il ragazzo coneglianese è difeso dall'avvocato trevigiano Luca Dorella

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Ti spacco la testa»: lite di condominio approda in tribunale

TrevisoToday è in caricamento