Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spedizione punitiva in piazza Cima, identificati altri nove picchiatori

Indagine del Commmissariato di Conegliano e della squadra mobile di Treviso. All'alba di oggi sono state eseguite perquisizioni in diversi Comuni della Marca e in un caso in provincia di Venezia

Dopo aver identificato l'ideatore della "spedizione punitiva" di piazza Cima a Conegliano dello scorso 2 maggio (tre macedoni vennero presi a calci, pugni, sprangate e sediate mentre erano seduti sui tavolini del Caffè al Teatro) e il suo braccio destro, entrambi kossovari, la squadra mobile di Treviso e il Commissariato di Conegliano sono riusciti a identificare gli altri nove partecipanti al raid. All'alba di oggi i giovani, anche loro kosovari e incensurati, sono stati sottoposto ad una perquisizione domiciliare.

Grazie all'indagine, coordinata dal magistrato Mara De Donà, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Treviso, è stato individuato l’intero gruppo l'intero gruppo di "picchiatori", composto in tutto da 11 ventenni kosovari, che ha partecipato alla violenta aggressione ai danni di alcuni giovani macedoni, loro coetanei, sembra a causa di un dissidio nato per una minorenne "contesa" tra l'ideatore del pestaggio e uno dei pacedoni. Le perquisizioni sono state eseguite in diversi Comuni della provincia di Treviso e, in un caso, nella provincia di Venezia, interessando quindi un’ampia parte del territorio provinciale. Le perquisizioni personali e locali hanno consentito di acquisire ulteriori prove circa la partecipazione dell’intera “banda” a quei fatti di inaudita violenza che, oltre a costituire un grave episodio hanno suscitato allarme sociale nella cittadinanza coneglianese.

Nei confronti dei giovani, denunciati in concorso per lesioni aggravate e per possesso di oggetti atti ad offendere, è stato inoltre emanato dalla locale Divisione Anticrimine, il divieto di accesso ai pubblici esercizi, il così detto Daspo Willy, per due anni. Le indagini sono state svolte prevalentemente con metodi tradizionali di polizia giudiziaria e con il supporto di strumentazioni tecniche.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Spedizione punitiva in piazza Cima, identificati altri nove picchiatori

TrevisoToday è in caricamento