rotate-mobile
Cronaca Conegliano

Ricattato dopo aver mandato foto intime su Tinder, scatta la denuncia

Un 24enne coneglianese vittima di sextorsion dopo essere stato contattato da una presunta ragazza che pretendeva gli venissero consegnati 500 euro per non divulgare le foto hot sui social

E' stato contattato su Tinder da una sedicente ragazza, almeno così compariva in foto, che si è mostrata fin da subito molto "disponibile", lo ha sedotto e invitato ad inviare delle sue foto molto intime, dopo averne ricevute a sua volta. Quegli scatti hot sono diventati l'arma di ricatto con cui un 24enne coneglianese è stato vittima di sextorsion, un'estorsione a sfondo sessuale da parte di una donna. La giovane (anche se non è possibile escludere che dietro le sue fattezze si nascondesse un uomo) ha chiesto al giovane una somma di 500 euro per non divulgare su tutti i social gli scatti hot. Fortunatamente il ragazzo non ha ceduto all'estorsione e si è rivolto al Commissariato di Conegliano per denunciare l'episodio. Il 24enne, fingendo di accettare il ricatto, ha pure richiesto l'Iban a cui avrebbe dovuto versare il denaro: è probabilmente questo l'unico metodo con cui gli inquirenti potrebbero risalire a chi ha architettato l'estorsione anche se è molto probabile che il conto sia riconducibile ad un istituto bancario estero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricattato dopo aver mandato foto intime su Tinder, scatta la denuncia

TrevisoToday è in caricamento