Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Conservatorio Agostino Steffani: ecco il progetto Chisinau-Castelfranco Veneto

L'istituto musicale castellano ospiterà quattro studenti dalla Moldavia (dall'Accademia di Musica, Teatro e Belle Arti di Chisinau) con il progetto Erasmus+ per circa 3 mesi

CASTELFRANCO VENETO Il Conservatorio Steffani ospiterà quattro studentesse dall'Accademia di Musica, Teatro e Belle Arti di Chisinau - AMTAP per  un programma di mobilità di circa 3 mesi nell'ambito del progetto Erasmus + KA107, ovvero le mobilità tra i paesi aderenti al programma e gli stati partner extra-UE. Delle quattro ragazze, una (Paula Gavrilita) studia pianoforte, mentre le altre tre (Ecaterina Spinu, Catarina Sandu e Adriana Armasu ) studiano canto Jazz. 

Nell'ambito del medesimo progetto, arriverà in Italia Tatiana Besliu, docente di italiano, per un'esperienza di trainership e un confronto con il nostro corpo docente sui metodi di insegnamento della lingua italiana per cantanti. “E’ con grande soddisfazione che accogliamo questi nuovi studenti a Castelfranco - spiega il direttore Stefano Canazza - anche epr la sua posizione strategica e per l’alta qualità della vita, Castelfranco sta diventando un importante snodo italiano non solo nell’ambito dell’Erasmus, ma anche di questi particolari progetti". Nella sua forma attuale, l'Accademia di Musica, Teatro e Belle Arti di Chisinau - AMTAP è stata istituita nel 2002 con la riorganizzazione dell'Università Statale d'Arte, in linea di successione con il conservatorio statale di musica fondato nel 1949, a sua volta creato sulla base di precedenti istituti attivi nella capitale fin dall'inizio del '900. 

Attualmente l'Accademia ospita circa 1200 studenti divisi in tre facoltà (Discipline Musicali, Discipline plastiche, decorative e del Design e Arti sceniche e studi multimediali) a fronte di un corpo docente e organizzativo di circa 400 persone. Il progetto di scambio con la Moldavia e l'Accademia di Musica, teatro e Belle Arti di Chisinau - AMTAP è stato avviato nel 2016. Proseguirà nel 2018, visto il progressivo incremento dei numeri della mobilità.  Negli anni, AMTAP si è rivelato un istituto di solida struttura, con grande interesse per la mobilità da parte di staff e studenti. Il corpo docente e amministrativo, formatosi nelle scuole artistiche dell'Ex Unione Sovietica si è rivelato capace e di valore, fortemente interessato a collaborare con l'Italia con l'obbiettivo di conoscere il sistema AFAM Italiano e sperimentare una possibile introduzione di alcune sue buone prative anche nel contesto moldavo.  In particolare, risulta grande l'interesse per le nostre scuole di canto, sia lirico che jazz, e per il dipartimento di fiati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conservatorio Agostino Steffani: ecco il progetto Chisinau-Castelfranco Veneto

TrevisoToday è in caricamento