Cronaca

Coop "Progetto Vita", la CGIL: “L’Ulss garante nel pagare gli arretrati”

La denuncia del Sindacato: I lavoratori in attesa dello stipendio da metà ottobre, si vedono anche negare i diritti sindacali. Alberto Lopin: “Vigileremo sull’operato della coop nei confronti del personale”

TREVISO “L’ULSS 2 avvierà nei prossimi giorni le procedure per il pagamento diretto delle spettanze arretrate dei lavoratori e delle lavoratrici della Coop Progetto Vita”. A darne notizia è Alberto Lopin (FP CGIL di Treviso) che aggiunge “riteniamo sia stato fatto un primo passo nel percorso che mira a dare risposte concrete ai lavoratori coinvolti. Un’azione che di fatto mette in evidenza l’importanza dell’atteggiamento solidale della committenza ULSS”.

“Vigili e pronti a ogni circostanza, verificheremo puntualmente l’operato della Coop nei confronti del personale – sottolinea Alberto Lopin -. A oggi, infatti, al ritardo nel pagamento degli stipendi si somma la mensilità di gennaio. E anche sul fronte dei diritti sindacali, oggi negati, molto c’è ancora da fare”.

Anche questo caso evidenzia quanto sia necessario tornare a una legislazione che preveda di prassi l’intervento solidale negli appalti soprattutto se pubblici – aggiunge Lopin -, modalità oggi intrapresa, assolutamente discrezionale e per nulla scontata, solo a fronte di un estenuante attività di confronto tra le parti sociali e l’Azienda sanitaria”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coop "Progetto Vita", la CGIL: “L’Ulss garante nel pagare gli arretrati”

TrevisoToday è in caricamento