menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coppia spacciavano eroina: avevano mezzo chilo di droga

I carabinieri hanno fermato due coniugi, trovati con stupefacente per un valore di 30 mila euro. Era destinata ai tossicodipendenti

TREVISO - Ogni due mesi andava a Padova a rifornirsi e insieme al marito spacciava eroina ai tossici trevigiani. L.C., 58enne originaria della Campania e trasferitasi a Treviso lo scorso dicembre, è finita in manette insieme al compagno algerino 41enne, N.K., che già si trovava agli arresti domiciliari per un reato analogo. Entrambi residenti a Carbonera e con precedenti specifici sono stati arrestati dai carabinieri di Treviso nella tarda mattinata di mercoledì. 

L'operazione dei militari dell'Arma si è svolta attraverso appostamenti e pedinamenti durati per circa tre mesi. Fino ad arrivare a mercoledì, quando la donna è stata vista mentre si dirigeva a Padova. Al rientro, è stata fermata all'altezza del casello di Treviso Sud ma, alla richiesta di fornire i documenti, ha riavviato la sua macchina e ha tentato di scappare. La fuga le serviva per gettare dal finestrino un involucro contenente circa mezzo chilo di eroina di ottima qualità. Pochi minuti dopo, le forze dell'ordine sono riuscite a bloccarla e ad ammanettarla. 

All'arresto della 58enne è seguita una perquisizione domiciliare, durante la quale sono stati rinvenuti altri piccoli involucri contenenti l'eroina e circa mille euro, tutto posto sotto sequestro. Anche il compagno è finito in manette. Secondo gli accertamenti dei carabinieri, lo spaccio sarebbe avvenuto tra l'abitazione e luoghi esterni. L'uomo, infatti, nonostante fosse sottoposto al regime dei domiciliari, aveva il permesso di uscire qualche ora al giorno. Spesso, hanno confermato i carabinieri, ne avrebbe approfittato per incontrare qualche acquirente. 

Tra i clienti c'erano soprattutto tossicodipendenti, anche frequentatori del Sert. I coniugi, non essendo assuntori, avevano messo in moto un giro di spaccio di eroina che vendevano a circa 50 euro al grammo. Il valore della merce sequestrata si aggira complessivamente intorno ai 25 - 30 mila euro. La donna si trova rinchiusa al carcere di Venezia. Il compagno, invece, a Santa Bona. Le indagini proseguiranno per cercare di individuare da dove provenisse l'eroina che la 58enne periodicamente (ogni due mesi) recuperava a Padova. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Zona gialla dal 26 aprile, Confcommercio: «Grande iniezione di fiducia»

  • Incidenti stradali

    Scontro in A4 tra due tir e un'auto: morto sul colpo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento