Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Giallo a Cornuda, in via Manzoni. Un 63enne ed un 20enne sono stati soccorsi dal Suem 118 e trasportati in ospedale: il giovane aveva chiesto aiuto ai genitori con un messaggio. Gravi le condizioni dell'uomo. Sul posto elicottero e ambulanze del Suem 118 e i vigili del fuoco

Sul posto sono intervenuti i carabinieri

E' ancora avvolto nel mistero quanto è avvenuto nella mattinata di oggi, venerdì 10 luglio, a Cornuda, all'interno di un'abitazione di via Manzoni, dietro la pasticceria "Dolce gusto". Due persone, sono state soccorse in casa dal personale medico del Suem 118 e dai vigili del fuoco in un appartamento. Uno dei due, un 20enne, bellunese di Quero, è stato ritrovato nudo, cosparso di benzina e legato. Prima di essere immobilizzato era riuscito a chiedere aiuto ai genitori con un messaggino ("mi ha legato e vuole bruciarmi": queste sarebbero state le due parole) e questi hanno lanciato l'allarme alle forze dell'ordine. L'uomo che era con lui, il proprietario dell'abitazione, un 63enne, era invece privo di sensi. Anche lui era completamente nudo e con una profonda ferita alla testa.

I vicini di casa avrebbero percepito un forte odore di benzina che proveniva dall'abitazione e si erano fortemente insospettiti. Sull'episodio sono intervenuti i carabinieri di Cornuda che ora indagano sull'episodio: il tutto sarebbe riconducibile ad una lite furibonda tra i due che a quanto sembra si conoscevano. Sembra che il 20enne, E.M. (fratello di un calciatore in forza al Pordenone calcio), si sia fermato a casa del 63enne, amico di famiglia, dopo una giornata trascorsa al mare. In via Manzoni sono giunti, oltre ai soccorsi, anche i genitori del giovane: la madre di questi è stata colta da malore. In gravi condizioni anche G.V., 63 anni, il proprietario dell'abitazione: l'uomo, nella collutazione con il 20enne, ha riportato un grave trauma cranico ed è stato portato in elicottero al pronto soccorso dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Il giovane, sotto choc, è stato accompagnato presso il pronto soccorso dell'ospedale di Montebelluna per essere sottoposto alle cure del caso; in seguito è stato interrogato dai carabinieri per chiarire l'accaduto. Grande lo sconcerto tra i residenti della zona di via Manzoni, dove l'episodio è maturato. Sul caso il pubblico ministero Paolo Fietta ha aperto un fascicolo per definire i contorni della vicenda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento