Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Cornuda

Omicidio di Sofiya, la Procura torna a "bussare" alle porte degli americani

Oltre due anni dopo la prima richiesta di rogatoria, respinta, alle autorità statunitensi per avere le password dei profili Facebook e della mail della Melnik e del suo compagno Pascal Albanese, suicidatosi 12 giorni dopo il ritrovamento del cadavere della donna, il sostituto procuratore Giulio Caprarola vuole sollecitare una risposta prima di chiudere l'inchiesta

Due anni dopo la prima istanza, respinta, la Procura di Treviso torna "bussare" alle autorità statunitensi per avere accesso ai server dentro ai quali stanno le password dei profili Facebook e della posta elettronica utilizzate da Sofiya Melnik e Pascal Albanese, i protagonisti della vicenda, quasi certamente un omicidio-suicidio, che scosse la Marca alla fine del 2017.

Entro un mese il sostituto procuratore Giulio Caprarola scriverà alle autorità italiane affinché il ministero di Giustizia  statunitense venga ulteriormente sollecitato a dare un risposta alla richiesta di rogatoria formulata oltre 24 mesi fa e a cui, ad oggi, non è stata dato riscontro. Alla prima domanda formulata dalla procura trevigiana gli americani si sarebbero opposti in quanto i profili non sarebbero stati chiaramente identificabili. Da cui la rogatoria, a cui però le autorità statunitensi non hanno risposto.

Sofiya Melnik, che abitava a Cornuda insieme ad Albanese, scomparve senza lasciare traccia il 15 novembre del 2017. Il  corpo della 46enne venne ritrovato nel giorno della Vigilia di Natale dello stesso anno da un cacciatore ai piedi di un burrone, all'altezza di uno dei tornanti della strada che da Bosco del Grappa porta verso Cima Grappa. L'autopsia rivelò che la donna era stata selvaggiamente picchiata, adombrando l'ipotesi che fosse stata scaraventata nel burrone quando era ancora viva. Il 50enne Pascal Albanese venne invece trovato impiccato 12 giorni dopo. Il loro era un legame molto particolare in cui l'uomo era a conoscenza, e forse complice, del giro di amanti e relazioni parallele che la donna intratteneva con numerosi uomini, tutti più anziani di lei e molto facoltosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Sofiya, la Procura torna a "bussare" alle porte degli americani

TrevisoToday è in caricamento