«Mi sono stancata di stare a casa»: denunciata dalla polizia locale

Il sindaco di Castelfranco, Stefano Marcon: «Ringrazio tutti i cittadini che, con doveroso senso civico ma anche molta pazienza, stanno rispettano le disposizioni. Comunico, poi, il rinvio della Tosap»

Un momento dei controlli in città

Nel rispetto delle disposizioni inserite nel DPCM del 11 marzo sul contenimento della diffusione del contagio da Coronavirus e dei numerosi appelli delle Autorità competenti che raccomandano incessantemente alla popolazione di rimanere a casa, il sindaco ha richiesto al comando di Polizia Locale di intensificare i controlli sugli spostamenti e sull’osservanza delle distanze minime interpersonali.

Gli agenti del Comando castellano, nella giornata di martedì, hanno eseguito numerosi accertamenti nelle zone centrali della città e delle frazioni, verificando le autocertificazioni degli occupanti e la documentazione comprovante lo spostamento. Controlli sono stati inoltre posti negli esercizi commerciali autorizzati all’apertura al pubblico, nei giardini pubblici, nelle aree sportive, al campo di atletica e lungo gli argini dei corsi d'acqua. Il servizio di controllo della polizia locale è stato svolto da più pattuglie al mattino, pomeriggio ed anche con turni serali e proseguirà anche nei prossimi giorni. Il personale in divisa ha effettuato inoltre controlli su persone a piedi elevando le prime denunce per violazione dell'art. 650 c.p. per spostamenti senza i motivi previsti dal Decreto. Tra le giustificazioni, un cittadino, è stato denunciato, non avendo una difesa plausibile sullo spostamento dichiarando: "Mi sono stancata di stare a casa da diversi giorni".

«Ringrazio tutti i cittadini che, con doveroso senso civico ma anche molta pazienza, stanno rispettano le disposizioni che ribadisco sono necessarie per combattere questo nemico invisibile e per tutelare la salute di tutti – spiega il sindaco, Stefano Marcon – plaudo inoltre quanti in questi giorni si fanno parte attiva nel segnalare presunti comportamenti illeciti e soprattutto assembramenti. Non possiamo avere occhi ovunque ma le segnalazioni ci permettono di intervenire con maggiore efficacia». Il Comando di polizia locale, guidato dalla dott.ssa Pina Moffa, in costante contatto con i vertici provinciali, si sta coordinando con le forze dell’ordine presenti in città per rendere omogenei i controlli nell’ambito del Decreto in vigore.

LA GIUNTA RINVIA TOSAP ED IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo la Giunta comunale, consapevole delle difficoltà che sta attraversando il settore del commercio locale e gli esercizi pubblici attanagliati dall’emergenza coronavirus, anticipando di fatto il provvedimento del Governo, nella seduta dei primi di marzo aveva approvato la sospensione al 30 giugno di TOSAP e l’Imposta sulla pubblicità. Le prime rate dei due tributi locali su occupazione suolo pubblico e pubblicità in scadenza nel prossimo mese di aprile, sono così rinviate a giugno. Ora l’attesa è quella di conoscere la decisione del Governo riguardo ad un eventuale rinvio dell’IMU quale imposta statale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • A 25 anni rileva un ristorante e apre una pizzeria per giovani e famiglie

  • Malore fatale mentre è a casa dell'amico, muore a 23 anni

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento