Coronavirus, identificato un nuovo focolaio: il contagio arriva da una festa latino-americana

L'Usl ha registrato come contagiati dal virus due pensionati trevigiani in trasferta a Ferrara per una serata di ballo svoltasi tra il 21 e il 23 febbraio scorsi

Dopo il focolaio nel reparto di Geriatria dell'ospedale Ca' Foncello, ora il Coronavirus avrebbe anche  un secondo focolaio che vede coinvolti dei trevigiani. Si tratterebbe di una festa latino-americana svoltasi in un club di Ferrara tra il 21 e il 23 febbraio scorsi a cui hanno partecipato anche due pensionati della Marca amanti del ballo e che sono stati trovati positivi al tampone a cui sono stati sottoposti dopo la loro visita in Emilia Romagna. Al momento, come riportano i quotidiani locali, non sono state formite informazioni più dettagliate, ma comunque si stanno intensificando i controlli in tal senso nelle ultime ore.

Nel frattempo, in linea con le misure adottate a livello nazionale per il contenimento della diffusione del SARS-CoV-2 (Coronavirus), la Regione del Veneto ha disposto la chiusura dal 9 al 15 marzo delle unità di offerta semiresidenziale sociosanitarie e sociali, comprese quelle per anziani, persone con disabilità, minori, persone con dipendenza e con problemi di salute mentale. Il provvedimento è stato preso perché, trattandosi di strutture frequentate per diverse ore, anche in tempi prolungati, da utenti con propria residenza altrove, si evita il cerarsi di contesti d’aggregazione di diversi utenti, in molti casi più fragili. Sono inclusi, anche i centri sollievo per i cittadini affetti da demenza e con malattia di Parkinson. L’Assessorato alla Sanità ha già dato precise indicazioni alle Aziende sociosanitarie affinché, nel periodo di chiusura delle strutture semiresidenziali, qualora emergessero particolari necessità assistenziali dei pazienti, i servizi possano dare tutto il supporto domiciliare necessario anche avvalendosi del personale dei centri temporaneamente chiusi. Le Aziende, da parte loro, sono già al lavoro proponendo specifici progetti personalizzati per le famiglie in cui la presenza di persone con grado di disabilità grave, o ridotta autonomia, determinerebbero difficoltà importanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento