Sito fake di un albergo a cinque stelle di Cortina: sequestrato dalla polizia

L'Hotel Astoria Luxury a Cortina non esisteva, né le fotografie visibili sul sito, per quanto suggestive, erano relative a quei luoghi. Denunciato un veneziano domiciliato a Crotone con precedenti

Le piste di Cortina

I poliziotti del Commissariato di Conegliano, hanno sottoposto a sequestro un sito internet “fake”, che pubblicizzava un albergo a 5 stelle a Cortina. In realtà il nominato Hotel Astoria Luxury a Cortina non esisteva,  né le fotografie visibili sul sito, per quanto suggestive, erano relative a quei luoghi. Per dare credibilità alla truffa venivano invece utilizzate le immagini di uno chalet situato in Svizzera; nel sito venivano postati entusiastici commenti da ogni parte del mondo e false recensioni di clienti.

Un cittadino di Conegliano era caduto inizialmente nella trappola versando una somma di denaro come acconto per la prenotazione, mediante la propria carta di credito, poi bloccata. I poliziotti del Commissariato sono risaliti dopo complesse indagini al responsabile della truffa, un veneziano di 29 anni, domiciliato a Crotone con precedenti specifici (già in detenzione domiciliare), che lucrava da quest’attività illecita. Il giovane operava peraltro mentre si trovava agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sito internet, creato ad hoc (https://hotel-astoria-cortina.it), è stato chiuso dalla polizia mediante la notifica ai provider del provvedimento di sequestro preventivo del Giudice delle indagini preliminari, che ha così di evitato ulteriori truffe ai danni dei cittadini. Ad avviare l'indagine è stato un coneglianese che si è visto spillare ben 300 euro per la prenotazione di una stanza. «La Questura di Treviso -si legge in un comunicato- invita chi effettua prenotazioni sul web a prestare massima attenzione evitando siti ingannevoli e  approfondendo con dovizia ogni  particolare prima di effettuare i pagamenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento