Costa Concordia, al porto di Genova con le catene di Salgareda

Le Officine L.C.M. hanno preso parte alla realizzazione del progetto curando il sistema di catene per assicurare i cassoni alle fiancate della nave

Concordia a Genova (foto: © Infophoto)

SALGAREDA – C’è anche un po’ di Salgareda nella mastodontica operazione per il trasporto del relitto della Costa Concordia dall’Isola del Giglio al porto di Genova.

Sarebbe stata infatti una ditta locale, come riportano i quotidiani locali, le Officine L.C.M, a realizzare i 56 sistemi di collegamento rapido delle catene che hanno permesso di ancorare alle fiancate della nave gli enormi cassoni necessari a rimetterla in asse e poi condurla a destinazione. Un intervento estremamente delicato che la società della Marca avrebbe messo a punto e realizzato insieme al consorzio ravennate Titan Micoperi, cui era stato affidato l’intero progetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Rapporto sessuale troppo focoso, 30enne si frattura il pene

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento