In treno senza biglietto e con delle creme rubate, 28enne arrestata

Quattro arresti in una settimana per i controlli della Polfer a bordo treno e nelle stazioni del Veneto. In manette una 28enne in viaggio da Venezia a Sacile e fermata a Conegliano

Agenti della Polfer in stazione (Foto d'archivio)

Gravata da un ordine di carcerazione per il reato di furto, una ragazza di 28 anni è stata tratta in arresto dagli operatori della Polfer di Conegliano.

Gli agenti sono intervenuti all'arrivo del treno partito da Venezia e diretto a Sacile, sul quale la giovane aveva viaggiato priva di biglietto. Giunta nella stazione di Conegliano, la donna, che ha cercato di allontanarsi frettolosamente per eludere il controllo, è stata fermata e identificata dagli agenti, che, consultati gli archivi informatici di Polizia, hanno proceduto al suo arresto. La giovane è stata trovata in possesso, oltre che di un tronchesino, anche di oltre una decina di confezioni di creme cosmetiche per il viso, tutte ancora completamente integre, sulla provenienza delle quali non ha saputo fornire alcuna spiegazione. Tutta la merce è stata posta sotto sequestro. Sono 1.964 le persone identificate, 4 gli arrestati, 4 gli identificati, 224 i servizi di vigilanza nelle stazioni, 8 specifici servizi antiborseggio espletati in abiti civili, 28 convogli vigilati da pattuglie a bordo treno, e 2 provvedimenti di Daspo urbano: questo il bilancio dei risultati ottenuti dal personale Polfer Veneto, nella settimana appena trascorsa, in relazione ai controlli negli scali di competenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento