rotate-mobile
Cronaca

Crisi, in provincia di Treviso il numero più alto di suicidi del Veneto

Secondo i dati di Cgia Mestre Treviso, insieme a Venezia, è la provincia che conta il più alto numero di suicidi legati alla crisi economica, nel 2012

Sale a venti, con il terzo suicidio avvenuto in questa ultima settimana a Padova, il numero di suicidi compiuti da imprenditori veneti dall'inizio del 2012.

Un conteggio,  secondo i dati della Cgia di Mestre, che non ha eguali nel resto del Paese. La stima, comunque, è approssimativa e provvisoria e si basa un costante monitoraggio realizzato attraverso la lettura della cronaca locale.

La provincia più colpita, insieme a Venezia, è quella di Treviso, con cinque suicidi. Vicenza e Padova sono state teatro di quattro suicidi ciascuna, mentre Rovigo di due e Belluno conta un caso di morte legata alla crisi.

"Dopo alcuni mesi in cui questi gesti estremi sembravano essere terminati - ha commentato il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi - con il mese di settembre sono drammaticamente ricomparsi, testimoniando che la situazione di difficoltà in cui versano gli artigiani ed i piccoli imprenditori si sta facendo sempre più seria".

"E' vero - ha proseguito - che ogni caso presenta una sua peculiarità, tuttavia invito chi si trova in difficoltà a non chiudersi in se stesso, a non isolarsi, a confrontarsi con i famigliari o con gli amici più cari, a rivolgersi presso la propria associazione. Nulla è irreversibile, una soluzione si può sempre trovare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi, in provincia di Treviso il numero più alto di suicidi del Veneto

TrevisoToday è in caricamento