Truffa del postamat: raffica di raggiri, trevigiano denunciato

Indagine dei carabinieri su due denunce presentate a cavallo della Pasqua. Le vittime dei raggiri sono un 35enne ed una 55enne

Sia un tablet o un aspirapolvere, lo stratagemma della "truffa inversa" continua a dimostrarsi tristemente efficace nei confronti degli inermi padovani che cercano di comprare e vendere su Internet. Spesso, come negli ultimi due casi in ordine di tempo, gli imbroglioni vengono smascherati, ma di rado le vittime riescono ad avere indietro le somme perdute.

Perde dieci volte quello che doveva guadagnare

Risale a lunedì mattina la denuncia che i carabinieri di Piombino Dese hanno fatto recapitare a M.F., 20enne di Spoltore (Pescara) che nonostante la giovane età è già un volto noto per la Giustizia. Una certosina indagine ha permesso di identificarlo come l'autore di una truffa informatica ai danni di un 35enne piombinese che lo scorso autunno aveva messo in vendita in Internet un tablet. Il padovano aveva pubblicato un annuncio su Subito.it, chiedendo 200 euro per l'acquisto e ricevendo a settembre il messaggio di un sedicente compratore. I due si erano accordati per concludere l'affare ma il pescarese è riuscito a convincere il 35enne a inviargli su una carta prepagata un bonifico di 2 mila euro, salvo poi tagliare ogni contatto. Solo lunghi mesi di accertamenti hanno ora portato a individuare il responsabile nascosto dietro lo schermo.

Caso fotocopia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vicenda del tutto analoga quella emersa nei giorni scorsi a Piazzola sul Brenta, dove a finire denunciato è stato il 26enne P.K.H.T.J. cingalese di Treviso e anch'egli pregiudicato. A sporgere querela contro ignoti era stata in quel caso una 55enne di Curtarolo che lo straniero aveva convinto a inviargli 1.300 euro. Il contatto tra i due era avvenuto a novembre quando l'asiatico si era finto interessato ad acquistare un aspirapolvere messo in vendita online dalla donna. Anche in questo caso la vittima si era lasciata abbindolare inviando all'asiatico la somma che invece sarebbe stata lei a dover incassare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, disperso un ragazzo

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento