rotate-mobile
Cronaca Motta di Livenza

Truffa ai danni di un anziano: il direttore della casa di riposo annuncia le dimissioni

L'architetto Michelangelo Villalta, condannato in primo grado a due anni e quattro mesi per peculato, ha deciso di lasciare la dirigenza della casa di riposo di Motta di Livenza

MOTTA DI LIVENZA Michelangelo Villalta non sarà più il direttore della casa di riposo di Motta di Livenza. L'annuncio è arrivato poche ore dopo la pesante sentenza di primo grado emessa giovedì scorso dal tribunale di Venezia che ha condannato l'ormai ex direttore a una pena di due anni e quattro mesi di reclusione per aver sottratto a un anziano della provincia di Portogruaro una quantità di denaro che dovrebbe aggirarsi intorno ai quarantatremila euro.

Accuse pesanti a cui Villalta ha risposto dichiarando la sua ferma volontà di fare ricorso in appello. Nel frattempo però, l'ex direttore ha deciso di convocare il consiglio d'amministrazione della casa di riposo mottense per annunciare la sua volontà di lasciare l'incarico che occupava ormai da nove anni a questa parte. Villalta era al suo secondo mandato come capo della struttura per anziani "Tomitano e Boccasin". Dalla prossima settimana il consiglio d'amministrazione rimarrà invariato alla guida della struttura mottense, mentre il ruolo di nuovo presidente sarà assunto temporaneamente dall'attuale vicepresidente Valter Speranzon. Bisognerà invece attendere altri novanta giorni per conoscere le precise motivazioni che hanno portato i giudici del tribunale di Venezia a una condanna così pesante nei confronti dell'ex direttore trevigiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa ai danni di un anziano: il direttore della casa di riposo annuncia le dimissioni

TrevisoToday è in caricamento