menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si trova il conto corrente prosciugato: 74enne raggirata da una dipendente delle Poste

L'impiegata avrebbe usufruito della sua posizione per sottrarre all'anziana circa 70 mila euro. Su di lei pendono le accuse di: truffa, sostituzione di persona e falsificazione

Truffa, sostituzione di persona, falsificazione e indebito utilizzo di carta di credito. Queste le accuse mosse dalla Procura di Treviso ad una dipendente di un ufficio di Poste Italiane a Treviso. La donna, infatti, come riporta "la Tribuna", avrebbe sottratto 70mila euro da un conto corrente intestato ad una 74enne di Paese, storica cliente delle Poste con la quale la signora aveva nel tempo instaurato un profondo rapporto di fiducia. Proprio grazie a questo rapporto la dipendente era riuscita, raggirando la cliente, a trasferire man mano il suo denaro su un conto corrente a sé intestato. A insospettire l'anziana è stata però una lettera delle Poste con la quale le veniva comunicata l'apertura di un nuovo conto corrente a suo nome, senza però che lei avessi firmato nulla. A quel punto prima è scattata la denuncia in Procura a Treviso e poi l'inevitabile indagine della polizia giudiziaria che ha setacciato sia l'ufficio postale incriminato che l'abitazione della dipendente infedele. Nel frattempo, però, la donna avrebbe anche cercato, senza però riuscirci, di far ritirare la denuncia alla 74enne puntando sulla loro amicizia. Inevitabile quindi ora per la donna presentarsi di fronte al giudice per rispondere alle accuse, oltre a dover probabilmente affrontare un procedimento disciplinare interno all'azienda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento