La discarica di via Pisa spostata di pochi metri: i rifiuti abbandonati sotto il sole

La segnalazione arriva dal consigliere Davide Acampora che, recatosi all'angolo tra l'ex discarica di via Pisa e via Ragusa, ha notato come i rifiuti siano stati spostati solo di pochi metri

TREVISO Sembravano risolti i problemi che nelle scorse settimane avevano interessato la discarica di via Pisa a Treviso. Grazie alle numerose segnalazioni effettuate dai residenti, il Comune insieme a Contarina aveva tolto dalla strada i rifiuti ammassati nell'incrocio che oggi appare pulito e sgombro.

Peccato però che tutta l'immondizia non sia stata eliminata ma spostata solo di qualche decina di metri sotto il grattacielo di via Pisa dove vivono decine di famiglie trevigiane. A denunciare la situazione è stato il consigliere comunale Davide Acampora che sulla vicenda ha voluto esprimersi con queste parole: "Contarina e assessore Gazzola, pensavate davvero di risolvere il problema semplicemente chiudendo l'area dove prima venivano abbandonati i rifiuti? Come più volte da me suggerito, la soluzione è il controllo porta a porta di chi effettivamente ha stipulato un contratto, multando e responsabilizzando i proprietari degli immobili e le cooperative che affittano gli appartamenti ai cosidetti "nuovi trevigiani", in tutta la zona. Tutte le altre soluzioni sono palliativi per mettere una toppa." Ha dichiarato Acampora che ha filmato la nuova discarica di via Pisa attraverso una diretta pubblicata sul suo profilo Facebook. Nel video si possono notare tantissimi rifiuti abbandonati sotto il sole in un fetore nauseabondo. Poco distante i cittadini hanno appeso un cartello ironicamente caustico rivolto a Contarina: "Grazie per questa nuova discarica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento