menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Grigoletto, Manildo e Franzoso in conferenza stampa

Grigoletto, Manildo e Franzoso in conferenza stampa

Stop al consumo di bevande alcoliche parchi del centro

In vigore l'ordinanza che vieta il consumo e la detenzione di bevande alcoliche nelle aree non autorizzate e l'abbandono dei contenitori

TREVISO - In vigore da venerdì al 30 settembre un'ordinanza con la quale il Comune pone il divieto di consumo e detenzione di bevande alcoliche nelle aree pubbliche non autorizzate e nelle aree private aperte al pubblico passaggio e in zone predeterminate a tavolino dall'amministrazione comunale. Viene inoltre vietato l'abbandono di materiale o contenitori in tali aree.

"Si tratta di un atto dovuto in seguito alle molteplici lamentele che ci sono giunte dai cittadini e dai commercianti di alcune zone notoriamente problematiche del centro città. Non possiamo più tollerare episodi di disordine pubblico, di ubriachezza molesta e di abbandono di rifiuti nelle aree verdi cittadine" spiega il sindaco Giovanni Manildo. Gli spazi individuati dal Comune, con l'aiuto delle forze dell'ordine, dove sarà presente l'ordinanza sono: i giardini di Sant'Andrea, di Porta Altinia e di viale J. Tasso, oltre a P.zza della Vittoria, al parco di Villa Manfrin e di Villa Magherita e le aree verdi di via Dalmazia.

Forte sarà la presenza della polizia di prossimità e di agenti in borghese nelle aree più problematiche, per controllare ogni forma di abuso, soprattutto da parte di minorenni e persone senza fissa dimora. Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa da un minimo di euro 25,00 ad un massimo di euro 500,00, prevedendo però il pagamento in misura ridotta pari a euro 50,00. L'inosservanza del provvedimento comunale protratta più volte nel tempo sarà invece perseguita penalmente.

"Il provvedimento che l'amministrazione ha scelto di adottare per contrastare il fenomeno della microcriminalità presente in alcune aree urbane del centro città è indirizzato soprattutto ai consumatori minorenni di alcolici - spiega il vicesindaco Roberto Grigoletto -. Vogliamo che i ragazzi si rendano responsabili delle loro azioni e vogliamo che Treviso non sia deturpata da poche persone incivili. Gli spazi verdi comunali sono una risorsa fondamentale per i cittadini e noi riteniamo che tutti debbano poterne fruire indistintamente. Crediamo infatti in una città sempre più pulita e vivibile, nell'ottica di una "smart city". 

L'ordinanza avrà comunque una durata limitata, ma prorogabile una volta scaduta e sarà in vigore dalle 00,00 alle 24,00 di ogni giorno. Responsabile del procedimento è il comandante della polizia locale Federica Franzoso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Zona gialla dal 26 aprile, Confcommercio: «Grande iniezione di fiducia»

  • Incidenti stradali

    Scontro in A4 tra due tir e un'auto: morto sul colpo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento