rotate-mobile
Cronaca

Lutto nell'Ulss 9, è morto il dottor Edoardo Arslan

L'azienda sanitaria Ulss 9 di Treviso è in lutto per la scomparsa del dottor Edoardo Arsaln, direttore del Servizio di Audiologia e Foniatria dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso

L'Ulss 9 di Treviso è in lutto per la scomparsa del dottor Edoardo Arsaln, ordinario all’Università di Padova e direttore del Servizio di Audiologia e Foniatria dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso.

Il Direttore Generale, dr. Giorgio Roberti, unitamente ai direttori Amministrativo, Sanitario e dei Servizi Sociali, ai dirigenti e al personale dell’Azienda sanitaria trevigiana partecipa al dolore dei familiari per la scomparsa del dott. Arslan, ricordandone le doti accademiche, professionali e umane.

E’ una grande perdita per tutta l’Azienda Ulss 9 - ha commentato il dott. Roberti - Con il professor Edoardo Arslan se ne va il padre di una delle più grandi eccellenze della sanità trevigiana, che hanno portato l’ospedale di Ca’ Foncello ad essere un riferimento nel campo dell’Audiologia”. 

Il dott. Arslan è morto domenica mattina a Padova, dove abitava, al termine di una breve malattia.

Figura di rilievo internazionale, professore ordinario all’Università di Padova, Edoardo Arslan, ha legato indissolubilmente il suo nome a quello dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso dove da oltre un decennio era alla guida dell’Unità clinicizzata di Audiologia e Foniatria.

“Il lutto ci colpisce profondamente e condividiamo il dolore dei familiari in questo triste momento  – ha continuato Roberti - Da 13 anni il professor Arslan era primario del Servizio di Audiologia e Foniatria del Ca’ Foncello, una delle nostre unità clinicizzate dell’Università di Padova. Sotto la sua guida non solo Treviso è diventato il luogo della formazione di specialisti di grande qualità ma l’attività sanitaria del servizio si è affermata ben oltre il bacino di utenza della nostra azienda".

"In particolare nel delicatissimo campo degli impianti cocleari - ha ricordato Roberti -  è diventato un riferimento nazionale con una media di 30 interventi all’anno, soprattutto in pazienti di età pediatrica. Non secondaria, sotto la sua direzione è stata avviata anche l’attività di screening neonatale, basata sui fattori di rischio, sui bambini nati nel nostro territorio. Le sue doti cliniche ed accademiche erano pari a quelle umane; alla sua bravura di medico, infatti, non erano mai disgiunte la sua gentilezza e la sua cortesia. L’Azienda Ulss 9 - ha concluso - lo ricorderà sempre come uno dei suoi personaggi più illustri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutto nell'Ulss 9, è morto il dottor Edoardo Arslan

TrevisoToday è in caricamento