E' morto nella notte l'avvocato Marco Esposito

Il legale è rimasto vittima di un attacco di cuore. Era il cugino di Peppino Prisco e un grande tifoso dell'Inter. Lascia i figli Beatrice e Manuele, la mamma e la sorella

Marco Esposito, scomparso all'età di 56 anni

Aveva fissato un appuntamento per oggi pomeriggio, martedì 29 dicembre, ma il cuore ha tradito Marco Esposito, noto avvocato dello studio legale di Luigi Maschio & associati a Conegliano, deceduto all'età di 56 anni nella giornata nella notte. A essergli fatale è stato un arresto cardiocircolatorio. Lascia i figli Beatrice, studentessa universitaria, e Manuele, che frequenta il liceo, la mamma, la sorella e la ex moglie Beatrice Ugarelli, anche lei avvocato.

Di origini campane, nato a Pompei,  Esposito era cresciuto con la famiglia a Milano, dove si era laureato in Giurisprudenza all'Università statale con una tesi in diritto civile, coltivando la passione che era stata del padre Bruno e del cugino, l'indimenticabile Peppino Prisco, con cui condivise per anni l'amore per il calcio e soprattutto per l'Inter. Subito dopo la laurea aveva iniziato la collaborazione con lo studio legale dell'avvocato Luigi Maschio, in centro a Conegliano, dove tutt'ora lavorava, acquisendo nel tempo una grande esperienza in materia di diritto commerciale, contrattualistica, diritto del lavoro, diritto dei consumatori e locatizio.

I funerali saranno  celebrati giovedì 31 dicembre alle 10.30 nella chiesa parrocchiale "Beata Vergine di Fatima" a Parè di Conegliano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento