menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La giunta approva gli ecoincentivi comunali per cambio auto

Via libera agli ecoincentivi comunali per il cambio dell’auto e l’installazione di impianti a gas sui veicoli Euro 2 e precedenti

TREVISO - Arrivano gli ecoincentivi comunali per i cittadini decisi a rottamare l’auto o a installare un impianto di alimentazione a gas. La giunta Manildo ha stanziato cinquantamila euro per finanziare un protocollo d'intesa rivolto ai cittadini residenti nel Comune di Treviso, ai rivenditori di autoveicoli e agli installatori di impianti a gas del territorio comunale.
In base al teso dell'accordo l'amministrazione comunale riconoscerà un contributo di 600 euro ai cittadini che decidono di rottamare l’auto vecchia e acquistare un veicolo a basse emissioni complessive appartenenti alla norma Euro 6 con le seguenti caratteristiche: avere un peso inferiore ai 1.100 kg e produrre emissioni di Co2 inferiori a 100 g/km. Il contributo per coloro che invece decidono di installare un impianto di alimentazione a gas, per l’adeguamento di veicoli euro 2 o precedenti, è di 300 euro.

Il 30 aprile intanto terminerà l'ordinanza "Respiro meglio a Treviso - aria pulita per una città più vivibile" entrata in vigore il 7 gennaio (dopo la pausa del periodo natalizio): “Al termine dell’ordinanza “Respiro meglio a Treviso” siamo decisamente sotto il numero di sforamenti imposti dalla normativa europea – dichiara il vicesindaco e assessore all’ambiente Roberto Grigoletto – è il segno che un nuovo tipo di mobilità e degli stili di vita nuovi, più sostenibili, stanno entrando a far parte delle abitudini della nostra città. Tutto questo senza la necessità di sanzionare, come dimostrano i numeri della polizia locale. Le multe staccate nell'intero periodo dell'ordinanza, vale a dire dal 28 ottobre ad oggi, sono state in tutto quarantaquattro”.

Ecoincentivi comunali

Gli ecoincentivi comunali potranno essere richiesti a partire dall’approvazione della determina che avverrà nei prossimi giorni (dopo l’approvazione del bilancio in consiglio comunale) e di cui verrà data comunicazione alla cittadinanza attraverso gli uffici e gli altri canali di comunicazione del Comune (Urp, sito internet, gong e twitter). Non sarà possibile erogare il contributo in forma reatroattiva.

Procedure e condizioni di erogazione dei contributi

Per l’accesso e l’erogazione dei contributi sono previste le seguenti procedure:

a) Acquisto nuovo autoveicolo:
Gli aventi diritto si rivolgono ai Produttori/Rivenditori firmatari del presente Protocollo di intesa i quali:

si accertano, prima della vendita dell’autoveicolo, della disponibilità dei fondi  presso il Comune di Treviso – settore Ambiente – telefonando ai n.ri: 0422 658377 / 658253;
trasmettono il modulo di prenotazione del contributo (Mod.A – Nuovo autoveicolo) firmato dall’acquirente e dal Produttore/Rivenditore al Settore Ambiente del Comune di Treviso via fax: 0422 658392, il quale assegnerà alla pratica, secondo l’ordine cronologico di arrivo, un numero di prenotazione.

Il Comune di Treviso ristorerà al Produttore/Rivenditore di autoveicoli l’importo ammesso a contributo dietro presentazione di:
copia della fattura di vendita dell’autoveicolo riportante il numero di prenotazione di cui sopra;
copia del libretto di circolazione e del certificato di proprietà;
copia del certificato attestante la rottamazione di un autoveicolo appartenente alla medesima categoria (M1) del nuovo autoveicolo venduto;
fotocopia  leggibile  di  entrambe  le  facciate  di  un  documento  di  identità  dell’intestatario del nuovo autoveicolo, in  corso  di validità ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D.P.R. 445/00.

Gli autoveicoli “ritirati” dai Produttori/Rivenditori non possono essere rimessi in circolazione e vanno inviati ai centri autorizzati ai fini della loro messa in sicurezza/demolizione/recupero di materiali/rottamazione.

b) Installazione  di  un  impianto  di  alimentazione  a  gas:
Gli aventi diritto si rivolgono agli Installatori firmatari del presente Protocollo di intesa i quali:

si accertano, prima della vendita dell’impianto, della disponibilità dei fondi  presso il Comune di Treviso – settore Ambiente – tel. 0422 658377 / 658253;
trasmettono il modulo di prenotazione del contributo (Mod.B – Installazione impianto a gas) firmato dall’acquirente e dall’Installatore al Settore Ambiente del Comune di Treviso via fax: 0422 658392) il quale assegnerà alla pratica, secondo l’ordine cronologico di arrivo, un numero di prenotazione.

Il Comune di Treviso ristorerà all’Installatore dell’impianto l’importo ammesso a contributo dietro presentazione di:
copia della fattura relativa all’installazione dell’impianto a gas, riportante il numero di prenotazione, di cui sopra;
copia del libretto di circolazione e del certificato di proprietà;
copia del collaudo provvisorio dell’impianto, rilasciato dalla motorizzazione o in alternativa copia del collaudo definitivo;
fotocopia  leggibile  di  entrambe  le  facciate  di  un  documento  di  identità  del  beneficiario del contributo, in  corso  di validità ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D.P.R. 445/00.

Lo schema del Protocollo di Intesa e relativa modulistica:
potranno essere ritirati e firmati dai Produttori/ Rivenditori e Installatori di impianti a gas, presso i competenti uffici del Settore Ambiente del Comune di Treviso, Piazza Rinaldi, 1 – Treviso;

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Attualità

Veneto in zona arancione: cosa si può fare da martedì 6 aprile

Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento