rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca Castelfranco Veneto / Via G.Toniolo

Abbandonano rifiuti in strada ma dimenticano gli scontrini: quattro multati

La domenica ecologica dello scorso 3 aprile a Castelfranco Veneto ha permesso di individuare i responsabili dell'abbandono in Via Toniolo. I responsabili avevano comprato scarpe e borse per oltre 1300 euro

La domenica ecologica dello scorso 3 aprile a Castelfranco Veneto ha dato importanti indizi alle indagini sull'abbandono di rifiuti avvenuto in via Toniolo. La vigilanza ambientale del Consiglio di Bacino Priula e il sindaco Stefano Marcon hanno trovato nei sacchi abbandonati in strada alcuni scontrini per l'acquisto di scarpe e borse firmate del valore di oltre 1.300 euro.

Le indagini sui vari abbandoni, svolte in collaborazione con la polizia locale, sono tuttora in corso ma, grazie agli elementi raccolti domenica scorsa, 4 ecovandali ritenuti responabili dell'abbandono sono stati identificati. Per ognuno di loro scatterà una multa di 600 euro. Tra i responsabili ci sono persone provenienti da Comuni che non fanno parte del Bacino Priula, ma anche un’utenza di Castelfranco Veneto. Si tratta di un’utenza domestica in regola con il servizio di gestione dei rifiuti, che tuttavia da anni non utilizza il contenitore del rifiuto secco non riciclabile per smaltire i propri rifiuti.

I commenti

«Ringrazio a nome di tutta la città gli Ecovigli che hanno saputo scovare i furbetti che hanno abbandonato i loro rifiuti nel nostro territorio - esordisce il sindaco, Stefano Marcon -. Come amministrazione comunale ci impegniamo ogni giorno, assieme a Contarina e al Consiglio di Bacino Priula, ad insegnare il rispetto per l’ambiente e la tutela del nostro territorio. Ma sempre per colpa di pochi ci rimettono tutti! Confidiamo che i responsabili vengano puniti per i loro gesti».

«La domenica ecologica è stata un successo di partecipazione, segno che i cittadini ne comprendono l’importanza - aggiunge l’assessore all’ambiente, Roberto Filippetto - Purtroppo sono stati raccolti molti rifiuti, c’è ancora qualcuno che ha il brutto vizio di gettare carte dal finestrino dell’auto, abbandonare rifiuti voluminosi nei bordi delle strade piuttosto che recarsi nei centri di raccolta. Le spese per la pulizia ricadono però su tutti i cittadini; soldi che potrebbero essere investiti in attività culturali o dedicate ai bambini. La valenza della giornata ecologica accanto ad un aspetto educativo concorre anche ad un aspetto sanzionatorio che completa l'azione educante. L’amministrazione proseguirà nel suo impegno, ma bisogna ricordare che la responsabilità è di ogni singolo cittadino: ognuno deve fare la sua parte per la tutela dell’ambiente, che è di tutti».

«Ancora una volta le giornate ecologiche - conclude il direttore del Consiglio di Bacino Priula, Paolo Contò - si rivelano delle ottime occasioni per coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza al rispetto dell’ambiente: siamo lieti di poter dare il nostro contributo per la buona riuscita di questi eventi e per l’individuazione dei responsabili dei comportamenti illeciti. La collaborazione tra Consiglio di Bacino Priula, Amministrazioni Locali, Forze di Polizia e cittadini risulta infatti fondamentale per contrastare il fenomeno degli abbandoni e per far comprendere anche ai più recidivi l’importanza di rispettare e tutelare il nostro territorio».

Info utili

I cittadini possono segnalare eventuali abbandoni di rifiuti a Contarina tramite l’apposito form presente sul sito www.contarina.it o sull’app gratuita ContarinApp oppure telefonando ai numeri 800.07.66.11(solo da telefono fisso, chiamata gratuita) o 0422 916500 (da cellulare chiamata a pagamento): attraverso questi canali, le segnalazioni verranno gestite più rapidamente, sia per una rapida pulizia dell’area evitando così che il rifiuto abbandonato stazioni a lungo e richiami ulteriori accumuli, sia per eventuali indagini da parte della vigilanza ambientale e della polizia locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbandonano rifiuti in strada ma dimenticano gli scontrini: quattro multati

TrevisoToday è in caricamento