rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Cronaca Maser / Forcella Mostaccin

Rifiuti e scarti di macellazione sul Col Mostaccin, fermato l’ecovandalo

È un cittadino residente a Cornuda: dovrà pagare una multa di 600 euro per abbandono di rifiuti e anche un’ulteriore sanzione di 150 euro. Indagini della vigilanza ambientale del Consiglio di Bacino Priula

Un cittadino residente a Cornuda è il responsabile degli abbandoni segnalati nelle ultime settimane sul Col Mostaccin a Maser: questo quanto emerso dalle indagini svolte dalla vigilanza ambientale del Consiglio di Bacino Priula.

Le segnalazioni, arrivate dal Comune di Maser e da alcuni cittadini, evidenziavano il ritrovamento di grossi cumuli di rifiuti ingombranti e resti animali, derivanti da pratiche illegali di macellazione clandestina. Incurante del rispetto delle norme igienico sanitarie e senza nessun riguardo per l’ambiente, l'ecovandalo abbandonava sul colle tutti i rifiuti domestici provenienti dalla sua abitazione, ma anche i resti degli animali macellati illegalmente. Non avendo mai attivato un regolare contratto per la gestione dei rifiuti, era infatti privo dei contenitori necessari per svolgere una corretta raccolta differenziata. Per questo motivo, oltre alla sanzione per l’abbandono di rifiuti pari a 600 euro e all’attribuzione dei costi di ripristino dei luoghi, nei confronti dell’ecovandalo scatterà anche l’ulteriore sanzione di 150 euro prevista nei casi di omessa attivazione del servizio per i rifiuti. Ulteriori indagini delle forze dell'ordine sono ancora in corso: rimane infatti da chiarire se la macellazione clandestina e il successivo abbandono dei resti animali derivino da reati di bracconaggio, fenomeno noto da tempo nella zona delle colline asolane.

20230126_093133

I commenti

Paolo Contò, direttore del consiglio di Bacino Priula, spiega: «Gli abbandonatori di rifiuti sono tutti uguali: incuranti del territorio e del rispetto degli altri. Ma incuranti anche di occultare le proprie tracce: per questo prima o poi vengono beccati tutti. Questo è possibile grazie all’alleanza virtuosa tra cittadini, Comune e Consiglio di Bacino Priula. La stessa alleanza che ha portato il nostro territorio ai risultati di eccellenza riconosciuti anche a livello internazionale».

Claudia Benedos, sindaco di Maser, conclude: «Purtroppo l'abbandono dei rifiuti è un fenomeno che oltre a deturpare l'ambiente genera un costo per tutta la collettività. Ricordo che Maser è stato premiato recentemente da Legambiente come miglior comune a livello nazionale, nella categoria 5-15mila abitanti, per la raccolta differenziata grazie all'impegno e alla sensibilità dei miei concittadini che in questi giorni hanno espresso la loro indignazione per questi atti di inciviltà e mi hanno chiesto di installare ulteriori telecamere di videosorveglianza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti e scarti di macellazione sul Col Mostaccin, fermato l’ecovandalo

TrevisoToday è in caricamento