rotate-mobile
Cronaca Borso del Grappa

Emergenza acqua potabile: divieto prolungato fino a venerdì

Il divieto di di Ats di usare l'acqua per usi alimentari, nei comuni colpiti dagli allagamenti di domenica, è stato prolungato di due giorni, fino al 16 novembre 2012

Alcune zone della Marca sono ancora prive di acqua potabile, dopo il nubifragio di San Martino che ha provocato frane e allagamenti, soprattutto nella zona della Pedemontana.

Resta ancora valido, dunque, il divieto di usare l'acqua del rubinetto per usi alimentari, almeno fino a venerdì.

I Comuni interessati dalla misura preventiva sono, in particolare, Borso del Grappa, Cavaso del Tomba, Crespano del Grappa, Paderno del Grappa, Possagno, Castelcucco, Fonte, Monfumo, Masier (Crespignaga alta), Asolo (esclusa la zona di Casella), Segusino, Valdobbiadene, Cison di Valmarino, Miane, Farra di Soligo, Follina.

Il divieto di bere acqua riguarda il territorio di San Zenone degli Ezzelini, a nord della regionale 248.

L'acqua si può invece bere, dopo averla lasciata scorrere un po', a Montebelluna, Mussolente, Pederobba, Cornuda, Caerano San Marco, Maser (tranne Crespignaga alta), Vidor, Revine Lago, Tarzo, Crocetta del Montello, Volpago.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza acqua potabile: divieto prolungato fino a venerdì

TrevisoToday è in caricamento