menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montebelluna invasa dalle zanzare: il comune prende provvedimenti

Pubblicata un'ordinanza per contrastare la diffusione della zanzara tigre. Sanzioni fino a 500 euro per chi non rispetta gli obblighi e i divieti

MONTEBELLUNA- Arriva l’estate e con essa il problema delle zanzare, quelle tigre, in particolare. Per contrastare la diffusione di questo fastidioso insetto, il Comune di Montebelluna ha pubblicato un’ordinanza che avrà validità fino al prossimo 31 ottobre e che  interessa tutti i cittadini, gli amministratori condominiali, i proprietari di attività industriali, artigianali o commerciali, le aziende agricole ed edili.

Come si legge in comunicato stampa, diffuso dal comune nella mattinata di sabato, l'ordinanza prevede il divieto di  abbandonare negli spazi aperti pubblici e privati (ad esempio i terrazzi, balconi, e lastrici solari) oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensione dove possa raccogliersi l'acqua piovana, compresi pneumatici e/o copertoni, bottiglie, sottovasi di piante e simili. Pertanto risulta necessario mantenere tutte le aree libere da materiali o manufatti nei quali si possano formare dei ristagni d'acqua.

Per tutti i cittadini del comune scatterà poi l'obbligo di svuotare almeno settimanalmente contenitori di uso comune, come sottovasi di piante, piccoli abbeveratoi per animali domestici, annaffiatoi, ecc., o lavarli e capovolgerli evitando l'immissioni dell'acqua nei pozzetti e nei tombini; coprire eventuali contenitori di acqua non mobili, quali ad esempio vasche di cemento, bidoni e fusti per l'irrigazione degli orti, con strutture rigide (reti di plastica o reti zanzariere); introdurre nelle piccole fontane ornamentali di giardino pesci larvivori (come ad esempio i pesci rossi ecc.); disinfestare periodicamente le caditoie interne ai tombini per la raccolta dell'acqua piovana, presenti in giardini, cortili, piazzali; provvedere nei cortili e nei terreni scoperti dei centri abitati, e nelle aree incolte od improduttive, al taglio periodico dell'erba onde non favorire l'annidamento di adulti di zanzare. Chiunque non rispetterà anche uno solo dei seguenti punti, sarà contattato dalla Polizia locale e dal Dipartimento di prevenzione dell’Ulss 8 e sanzionato con una multa variabile da 50 a 500 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento