menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'attrezzatura sequestrata dagli agenti della Questura di Treviso

L'attrezzatura sequestrata dagli agenti della Questura di Treviso

All'esame della patente con videocamera e auricolare: denunciato

Un 23enne kosovaro residente a Treviso è stato scoperto dall'esaminatore che ha chiamato la polizia. Per estrargli l'auricolare dall'orecchio è dovuto intervenire il 118

Nel primo pomeriggio di giovedì 18 marzo gli agenti della Questura di Treviso hanno denunciato in stato di libertà un giovane kosovaro, sorpreso a “truccare” l’esito dell'esame per la patente.

L'esaminatore della motorizzazione durante la sessione di esami ha sentito un rumore metallico provenire dalla postazione del ragazzo e, credendo fosse la vibrazione del cellulare, gli ha chiesto di spegnerlo; tuttavia, quando ha continuato a sentire il rumore, nonostante il cellulare spento, si è insospettito e ha chiamato il 113. All'arrivo della volante, M.A., 23enne residente a Treviso, ha subito ammesso di aver provato a barare nel tentativo di superare il test, "ostacolo insormontabile" a suo dire. Il giovane è stato trovato in possesso di: una microcamera nascosta sotto la felpa, un auricolare inserito così a fondo nell’orecchio da rendere necessarie le cure del Suem 118 per la corretta estrazione, una "saponetta" 4G provvista di batteria e due trasmettitori/ricevitori, con relativa alimentazione e antenna metallica. Il meccanismo era semplice quanto efficace: la videocamera all’interno della felpa riprendeva il test, il 23enne riceveva sull'auricolare le risposte esatte comunicategli da remoto.  Il giovane è stato denunciato mentre sono in corso accertamenti da parte della polizia per identificare i complici che hanno cercato di farlo copiare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento