rotate-mobile
Cronaca

Escursionista sbaglia a dare le coordinate, ci vogliono ore per trovarlo

Protagonista un 21enne di Treviso che si è incrodato durante un'uscita. Quando ha inviato le coordinate Gps si è scoperto che era da tutt'altra parte

TREVISO Si è incrodato e ha dovuto chiamare aiuto. Ci sono volute ore prima di raggiungere N.S., 21enne di Treviso che venerdì pomeriggio si è trovato in difficoltà non distante dal sentiero che dalla Cengia del Banco scende a Dogana Vecchia, a San Vito di Cadore (Belluno).  Il giovane, infatti, aveva dato ai soccorsi informazioni completamente sbagliate sulla sua posizione.

Dieci soccorritori, considerando un paio di ore di avvicinamento rispetto alle informazioni date da N.S., 21 anni, di Treviso, hanno iniziato a risalire il sentiero. Quando le squadre erano a circa 1.800 metri di quota, la centrale operativa ha ricevuto dal giovane le coordinate Gps del punto in cui si trovava ed in realtà era da tutt'altra parte, a 2.200 metri d'altitudine. Visto l'approssimarsi del buio e di un temporale, è decollato l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore che ha individuato il ragazzo, lo ha imbarcato con un verricello e trasportato a valle, mentre i soccorritori rientravano a piedi..

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escursionista sbaglia a dare le coordinate, ci vogliono ore per trovarlo

TrevisoToday è in caricamento