rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Vittorio Veneto

Finanza scopre centro estetico abusivo: 300mila euro di affari in nero

Da almeno 5 anni un'estetista vittoriese lavorava abusvamente in casa, pubblicizzando l'attività con annunci e tramite il passaparola dei clienti

Aveva avviato da almeno cinque anni un centro estetico completamente abusivo, arrivando a un giro d'affari di circa 300mila euro, tutti in nero.

Ora una 40enne vittoriese, ex impiegata, dovrà pagare una multa di decine di migliaia di euro, dicendo addio alla sua attività.

Il centro estetico è stato scoperto dalla guardia di finanza di Treviso, che ha ricostruito il giro di affari della donna e sentito una cinquantina di clienti. I finanzieri hanno colto la 40enne proprio in flagrante, mentre era impegnata con una cliente.

La donna, che non ha una qualifica professionale estetica, effettuava soprattutto depilazioni e spendeva il guadagno in viaggi all'estero. Il centro fai-da-te era stato allestito in una stanzetta dell'abitazione dell'ex impiegata, con lettino, scalda cera e strisce per la depilazione.

Per pubblicizzare la propria attività, l'estetista ricorreva agli annunci e al passaparola dei clienti, ma è stato proprio questo sistema a portarla allo scoperto: la sua fama e i suoi prezzi concorrenziali sono passati di orecchio in orecchio fino ad arrivare alla Fiamme gialle.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanza scopre centro estetico abusivo: 300mila euro di affari in nero

TrevisoToday è in caricamento