rotate-mobile
Cronaca Pieve di Soligo

Siloma di Pieve verso la fusione con Slm Group, in nove già a casa

Nove sono coloro che non intendono trasferirsi a Vazzola per la fusione con la Slm, per questo i sindacati chiederanno rimborsi più alti

Arrivano i primi esuberi anche nell’azienda Siloma di Pieve di Soligo, sono già in nove ad essere rimasti a casa dopo l’estate. Alcuni, invece, saranno trasferiti a Vazzola, perché ora Siloma e Slm Group si fonderanno. Già quasi una cinquantina di lavoratori si troverebbero allo stato attuale in cassa integrazione straordinaria, senza sapere che ne sarà del futuro.

ACCORDO GEOX, FINO A 50 MILA EURO PER ESUBERI

“Gli uffici sono pronti a Vazzola – spiega alla Tribuna Vigilio Biscaro di Fillea Cgil – Gli esuberi sono coloro che magari hanno rifiutato il trasferimento a Vazzola. Fare chilometri in più per prendere lo stesso stipendio poteva non essere ben accetta”. Stanno trattando sulle indennità in modo da fornire dei rimborsi economici più adeguati a chi ogni giorno dovrà partire da Pieve per raggiungere Vazzola. 

Gli accordi sarebbero un po’ in ritardo. Il trasferimento definitivo sarebbe dovuto essere a luglio, ma la burocrazia avrebbe costretto a rimandare ad ottobre. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siloma di Pieve verso la fusione con Slm Group, in nove già a casa

TrevisoToday è in caricamento