rotate-mobile
Cronaca

Fiamme Gialle smascherano falso ordine cavalleresco

Nomine, onorificenze, decorazioni dispensate durante cerimonie in stile medioevale da un falso principe a da un marchese tarocco. Scoperto dalla Guardia di finanza di Treviso un falso ordine cavalleresco

Avevano dispensato fiumi di decorazioni in nome dell'ordine cavalleresco "Santa Maria di Betlemme", ma sono stati smascherati.

Si è conclusa con la denuncia di due persone l'indagine della Guardia di Finanza di Treviso sul conto di un ordine cavalleresco non riconosciuto. I due inquisiti sono ritenuti responsabili di aver dato vita a una struttura che richiamava nella sua denominazione, nella percezione pubblica, nei riti, nei simboli, nelle tenute e nei diplomi rilasciati, istituzioni cavalleresche riconosciute.

L'indagine è partita in seguito a diverse segnalazioni pervenute alle Fiamme Gialle circa cerimonie di investitura da parte dell'ordine fasullo presso alcune chiese venete, tra le quali una della Marca.

I soggetti denunciati conferivano con una certa disinvoltura titoli e dignità, dietro il pagamento di poche centinaina di euro, nel corso di affascinanti cerimonie dall'atmosfera medioevaleggiante.

Al termine di una delle ultime cerimonie, tenute rigorosamente in lingua latina, alcuni orgogliosi neo cavalieri si sono riversati in strada, adornati di medaglie, mantelli e croci sfavillanti, per mostrare alla città la loro gloria. Ma la loro sfilata trionfale non è sfuggita alle telecamere dei finanzieri trevigiani, appostati in borghese per filmare il tutto.

Gli ignari cavalieri, sono stati quindi condotti al comando della Fiamme gialle per essere interrogati. E qui hanno scoperto di essere stati truffati.

Concluse le indagini a loro carico, il Principe e Gran Maestro dell’Ordine, residente in Puglia, e il suo Marchese Gran Cancelliere con Collare, residente nel capoluogo della Marca, dovranno difendersi di fronte alla Procura della Repubblica di Treviso, per aver pubblicamente ed illecitamente conferito onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche nel territorio dello Stato, in violazione della legge 178 del 1951.

Ora i due falsi nobili rischiano fino a due anni di reclusione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiamme Gialle smascherano falso ordine cavalleresco

TrevisoToday è in caricamento