menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Luca Zaia: "Inconcepibile bloccare gli italiani in Congo"

"Non intendo abbassare la guardia e ho chiesto al mio consigliere diplomatico di assicurare che chi di dovere faccia tutto il possibile"

"Non intendo abbassare la guardia e ho chiesto al mio consigliere diplomatico di assicurare che chi di dovere faccia tutto il possibile affinché i nostri concittadini bloccati in Congo possano tornare in Veneto con il loro bambino". Il presidente del Veneto, Luca Zaia, torna sul tema delle coppie, di cui una veneta, bloccate in Congo mentre stavano perfezionando un'adozione internazionale e sulle polemiche - anche politiche - che ne stanno scaturendo.

"E' inconcepibile che un gesto di sconfinato amore come l'adozione di un bimbo - prosegue Zaia - venga a scontrarsi con problematiche che con quella coppia e con quel bimbo non hanno nulla a che vedere. Questo non è il momento delle polemiche ma delle soluzioni. Se è vero che il fermo alle adozioni in Congo è di dodici mesi, abbiamo visto che ci sono state numerose eccezioni. Se è vero che vi è stato un accordo per cui chi ha le carte in regola può tornare a casa col suo bambino, ne pretendiamo l'immediata esecuzione. Che le famiglie tornino in Italia con i loro bambini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento