rotate-mobile
Cronaca Crocetta del Montello

Famiglia di Crocetta gestisce giro di droga, i cani trovano l'hashish

Sono finiti in manette in quattro: i cani antidroga hanno scovato oltre 2 kg di stupefacente sotterrati. I sospetti nascevano da un continuo via vai

Un giro di spaccio gestito da un’intera famiglia di origini marocchine residente a Ciano di Crocetta del Montello, una rete di vendita che fruttava abbastanza denaro per vivere dignitosamente. Sono finiti in manette quattro giovani marocchini sulla trentina: il capo banda, la moglie e i suoi tre fratelli, che vivevano all’interno di un grande edificio insieme a quattro bambini e la nonna.

LA DROGA. L’indagine condotta dalla squadra mobile della Questura di Treviso, unitamente alle unità antidroga e all’unità cinofila di Padova, ha permesso di rinvenire all’interno di una baracca situata a pochi metri dallo stabile oltre due chili di hashish sotterrati. A trovarli, i cani grazie al loro fiuto. All’interno dell’abitazione sono spuntati, inoltre, circa 12 mila euro in contanti e la documentazione relativa a movimenti bancari, quali versamenti effettuati al Marocco per oltre 30 mila euro. All’arrivo degli agenti il capobanda, avvisato dalla cognata del blitz inaspettato, ha lanciato dalla finestra un pacchetto di droga, poi finito nel canale della Vittoria e mai recuperato.

INGOIA MEZZO CHILO DI HASHISH IN AEROPORTO

L’ARRESTO. A finire in manette E.D.S., il capo banda, la moglie S.H. e i due fratelli, S.O. e S.M. L’unica a non finire in galera la sorella, che ha incassato una denuncia a piede libero in quanto le sono stati affidati i quattro bimbi e la donna ultrasettantenne malata. Il blitz dei poliziotti è avvenuto giovedì all’alba ma, alla vista degli agenti, la famigliola ha dato in escandescenza tentando di ostacolare la perquisizione. Tentativo fallito al ritrovamento dell’hashish. Attualmente i quattro si trovano in carcere a Santa Bona in attesa del processo. Secondo quanto appreso, gli spacciatori vendevano la merce in piccoli quantitativi sia all’interno dell’abitazione che in paese. Gli agenti si sono insospettiti, infatti, dal continuo andirivieni tra il centro e la casa, anche più volte al giorno. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglia di Crocetta gestisce giro di droga, i cani trovano l'hashish

TrevisoToday è in caricamento