menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba contante in un azienda vinicola, condannato

Massimo Cremasco, 38 anni di Farra, si era appropriato di 9 mila e 400 euro approfittando dell'assenza di una impiegata

3 anni e 4 mesi di reclusione. E' questa la condanna inflitta oggi, mercoledì 24 febbraio, a Massimo Cremasco, 38 anni di Farra, accusato della rapina avvenuta lo scorso 17 dicembre alla azienda vinicola "Giordano Nardi" di Farra di Soligo.

Poco prima dell'ora di pranzo Cremasco si era presentato in cantina e, approfittando dell'assenza momentanea di una dipendente, ha iniziato a rubare tutti i soldi presenti all'interno dell'ufficio per un totale di 9.400 euro. Non sapendo dove nasconderli, il ladro aveva appoggiato gran parte delle banconote sopra i tavoli dell'ufficio. Quando la donna è rientrata ha colto sul fatto il malvivente e ha provato a dare l'allarme. Il ladro, a quel punto, ha preso le banconote e, dopo averla spintonata  ha guadagnato l'uscita fuggendo in fretta e furia.

Immediata la chiamata ai carabinieri, intervenuti sul posto pochi minuti dopo. Grazie alla descrizione fatta dall'impiegata, i militari dell'Arma hanno rintracciato il ladro poche ore dopo. Si era nascosto in un casolare a pochi metri di distanza dalla cantina ed era ancora in possesso della refurtiva, riconsegnata alla cantina dai carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento