La fanno ubriacare a una festa: 15enne stuprata dal suo ragazzo e dal migliore amico

A processo di fronte al Tribunale dei Minori di Brescia due bergamaschi che all'epoca dei fatti avevano 16 anni, la vittima: "Il silenzio rafforza le violenze e uccide la dignità"

TREVISO Violenza sessuale su minore. E' l'accusa contestata dal Tribunale dei Minori di Brescia a due ragazzi bergamaschi di 16 anni, all'epoca dei fatti, che avrebbero fatto ubriacare una 15enne trevigiana a una festa per poi abusare entrambi di lei. Dopo quattro udienze in cui hanno negato ogni addebito, il loro legale ha chiesto la messa alla prova, che equivale a un riconoscimento di colpevolezza che però, grazie a un percorso rieducativo, permette di cancellare il reato.

Un epilogo che il legale della vittima, l'avvocato Sabrina Favaro, ha commentato così: “Sono state celebrate quattro udienze quando la scelta processuale della messa alla prova avrebbe permesso di avviare immediatamente il percorso rieducativo. Il messaggio che ne è uscito è profondamente diseducativo”. La vittima invece, oggi 19enne, impegnata nel volontariato e appassionata di ginnastica artistica, ha invitato le ragazze a parlare: “Chiunque abbia avuto una disavventura come la mia non deve avere paura di ribellarsi e di alzare la voce di fronte alle ingiustizie perché il silenzio rafforza le violenze e uccide la dignità”.

Tutto inizia nell'estate 2013: la 15enne con i genitori va in vacanza in Val Pusteria dove conosce il 16enne di cui si innamora. Una relazione a distanza che l'anno successivo, il 21 luglio 2014, si tramuta in abuso. Invitata a una festa, la giovane viene fatta ubriacare dal suo fidanzato e dal suo migliore amico che poi, a turno, danno sfogo ai loro istinti sessuali. Lei non ricorda nulla, ma la mattina successiva mentre si fa una doccia ha i primi flashback: prima vede il migliore amico del suo ragazzo con i pantaloni abbassati, poi lui sopra di lei, infine il suo ragazzo sopra di lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiede spiegazioni ma non trova risposte. A parlare sono i messaggi che il suo ragazzo e l'amico si scambiano vantandosi di quanto commesso e dando un giudizio sulla prestazione complessiva della giovane. Tornata a Treviso non racconta nulla fino a quando si confida con un'assistente del centro di volontariato per cui lavora.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento