rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca

Federconsumo si scaglia contro le concessioni commerciali: "basta autorizzazioni a pioggia"

Le dichiarazioni di Marcello Criveller, trevigiano, presidente regionale di Federconsumo Veneto, il ramo delle cooperative di consumo aderenti a Confcooperative, il più grande organismo di rappresentanza delle imprese cooperative in Italia e in Veneto.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

VILLORBA In questi giorni le pagine dei quotidiani locali trevigiani sono zeppe di interventi circa l'ennesima destinazione commerciale assegnata a strutture chiuse da anni. Ora è il caso dell'ex concessionaria Marazzato, alle porte della città, ove sono previste cubature di oltre 16mila mq per punti vendita che sono sempre quelli: ipermercati, empori del fai da te, ecc. ecc.

È della settimana scorsa la presa di posizione critica di Ascom Confcommercio Treviso, respinta perfino dall'assessore Paolo Camolei, che si chiede dov'era Ascom quando la Regione Veneto, che qualcuno pur governava e governa, negli anni scorsi distribuiva grosse concessioni commerciali... Ed è solo la punta di un iceberg, che riguarda un po' tutta la nostra regione. Meglio tardi che mai... Noi, i rappresentanti delle cooperative di consumo, inascoltati, lo diciamo da anni e lo ribadiamo ogni volta. Venerdì la presa di posizione del sindaco della Città di Treviso, Giovanni Manildo, che si dice preoccupato della questione. Meno male! Almeno quello! Ma quello che più fa riflettere è quanto afferma il presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno, Mario Pozza, che dice testualmente: "Non tutti i capannoni possono diventare supermercati...". Meno male. Di fronte alla “follia collettiva” a cui assistiamo, persino Camera di Commercio di Treviso e Belluno ed il suo presidente, esponente di lungo corso del mondo artigianale, si è accorta di una cosa tanto banale, se non fosse del tutto drammatica. Quindi, ancora una volta facciamo appello alla Regione Veneto (se ha ancora un assessore che se ne occupa...), Province e sindaci, affinché si provveda immediatamente a stoppare e regolamentare in modo serio la questione. Non con cerottini, come fatto finora, lasciando che la cancrena degenerasse. Noi come Federconsumo Veneto siamo a disposizione per ogni confronto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Federconsumo si scaglia contro le concessioni commerciali: "basta autorizzazioni a pioggia"

TrevisoToday è in caricamento