menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa degli alberi con gli Alpini alle scuole Primo Maggio di Treviso

Aspettando l'adunata nazionale 2017, le penne nere trevigiane insegnano ai più piccoli la cura per la natura e della salvaguardia del verde

TREVISO Fervono i preparativi per l’Adunata del Piave cui manca ormai solo poco più di un mese e mezzo, ma gli alpini trevigiani, nel primo giorno di primavera, si fermano per onorare un impegno che li coinvolge ormai da quarant’anni: la Festa degli Alberi, manifestazione itinerante che ogni anno vede spalancarsi i cancelli di una scuola primaria cittadina agli alpini, all’Amministrazione comunale, ai genitori, per un incontro all’insegna dell’amore, della cura per la natura e della salvaguardia del verde. Quest’anno è toccato alle scuole primarie “I Maggio” di via San Bartolomeo: ad accogliere gli ospiti – il Sindaco Giovanni Manildo con l’Assessore Anna Caterina Cabino ed i collaboratori De Pra e Toffolon, le penne nere del Gruppo Città di Treviso “Medaglie d’oro.

Tommaso Salsa-Enrico Reginato, organizzatore dell’evento, e del Gruppo “Padre C. Marangoni”, con il consigliere sezionale ANA Venturino Cagnato – erano presenti i 160 alunni con le insegnanti e la Dirigente scolastica prof. Milena Valbonesi. A rendere possibile l’audiodiffusione all’aperto, i volontari del Servizio Emergenza Radio del Radio Club Treviso. La Festa degli Alberi è una tradizione ormai consolidata, ma ha la capacità di rinnovarsi nel tempo: infatti quest’anno, per la prima volta, erano presenti gli ospiti del Centro Diurno per disabili “Peter Pan” di via Lancieri di Novara con le operatrici coordinate dalla dott.ssa Zavagno e dal dott. Rocco: un’occasione per gli alunni di entrare in contatto con altre realtà presenti sul territorio, e per i diversamente abili, di partecipare attivamente a gioiosi momenti di comunità. Catalizzatori e collante gli alpini, che hanno curato l’Alzabandiera, con l’Inno degli Italiani cantato da tutti, ed hanno donato alla scuola materiale didattico  - strumenti musicali – ed un melo cotogno (Cydonia oblonga) piantumato nel giardino, benedetto dal Parroco don Ado Sartor ed affidato alle cure delle classi.

Nel corso della manifestazione un momento molto speciale è dedicato al ricordo di un alpino recentemente “andato avanti”: quest’anno, alla presenza della vedova signora Nadia, è stata scoperta una targa in ricordo di Bruno Molin Pradel, compianto Capogruppo del Gruppo “Treviso Città”, che dopo lunga malattia è mancato l’anno scorso. Dopo la parte “ufficiale”, tutti i partecipanti si sono trasferiti nell’adiacente palestra, dove gli alunni hanno intrattenuto il pubblico con un selezione di canti che spaziavano dal rap alla più classica tradizione popolare veneta, passando per il canto etnico; lo scambio dei doni ed un rinfresco finale offerto dal Comune hanno suggellato una mattinata festosa e costruttiva, che ha visto collaborare insieme alcune fra le più belle realtà presenti sul nostro territorio.

SINDACO FESTA ALBERI-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento