rotate-mobile
Cronaca Revine Lago

La festa a casa Pound finisce in Parlamento: "E' fascismo"

L'Anpi ha presentato la richiesta in Prefettura di revocare l'autorizzazione concessa a casa Pound per la festa, ma il vicario ha detto no

La Prefettura di Treviso non ha accolto l'istanza dell'Anpi di revocare l'autorizzazione concessa a Casa Pound per la festa nazionale in programma nel fine settima a Revine Lago. Secondo quanto reso noto dal coordinatore regionale dell'Anpi veneto, Maurizio Angelini, ''il prefetto vicario ha dichiarato di non poter accedere alla richiesta dell'Anpi, perché l'iniziativa di Casa pound si configurerebbe come privata e riservata agli invitati dall' organizzazione''. "Casa Pound - sostiene l'Anpi, rendendo noto l'incontro con il prefetto vicario - è un'organizzazione dichiaratamente e programmaticamente neofascista e razzista. Revine Lago e tutta la Vallata sono state al centro, nel periodo 1943-45, di una sanguinosa repressione da parte dei nazifascisti, cui Casa Pound si ispira: decine sono stati i partigiani e i civili uccisi, decine le abitazioni e le casere bruciate per rappresaglia". La delegazione dell'Anpi ha evidenziato come il luogo scelto, all'aperto e a stretto contatto con il centro del paese e "il programma dell'iniziativa, pubblicizzata da giorni sul sito neofascista, possono facilmente far pensare all'intenzione degli organizzatori di crearsi ampia e immeritata visibilità". Il prefetto vicario, riferisce la nota, "ha comunque assicurato che ogni manifestazione pubblica di apologia del fascismo e del razzismo, in contrasto con le leggi vigenti, sarà immediatamente interrotta a cura delle forze dell'ordine; ha aggiunto che gli autori di queste eventuali manifestazioni saranno identificati e denunciati alla magistratura. L'Anpi ha comunque rinnovato la sua richiesta di proibizione della manifestazione di Revine Lago e ha informato il prefetto che sulla materia sono in fase di presentazione interrogazioni e interpellanze al Parlamento e al Consiglio Regionale del Veneto. L'Anpi ha confermato che nel pomeriggio del 12 ottobre, con raduno a Vittorio Veneto e corteo-fiaccolata fino a Revine Lago, si terrà una manifestazione regionale contro il fascismo e il razzismo.

BANDIERA NAZISTA A REVINE

Tutti i deputati veneti del Pd hanno sottoscritto un'interrogazione al ministro dell'Interno, Angelino Alfano, per chiedere "quali provvedimenti intenda adottare per evitare che si diffonda l'ideologia neofascista e per garantire l'ordine pubblico" in occasione della prossima festa nazionale di Casa Pound, prevista nelle date comprese fra il 12 ed il 15 settembre prossimi a Revine Lago (Treviso). "E' grave - rileva il deputato Simonetta Rubinato - che a un movimento di chiara ispirazione neofascista, portatore di messaggi razzisti e xenofobi, sia consentito di poter diffondere l'ideologia fascista in violazione della nostra Costituzione. C'è il rischio concreto, vista la conformazione del luogo privato in cui si terrà la festa di Casa Pound e per la concomitanza con altre manifestazioni già da tempo programmate sul territorio, che si possano verificare problemi di ordine pubblico". Per la collega trevigiana Floriana Casellato , "i sindaci della vallata, insieme agli amministratori dell'intera Provincia e a tutti coloro che hanno responsabilità civili, devono vigilare e riflettere su questa grande provocazione avanzata dai giovani fascisti di Casapound. Lo ritengo - conclude Casellato - un attacco alla nostra storia e una profonda offesa a tutti i giovani morti per la libertà, la democrazia e la nostra Costituzione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La festa a casa Pound finisce in Parlamento: "E' fascismo"

TrevisoToday è in caricamento