Cronaca Piazza Sarajevo

Festa della Donna: ripromossa l'attività dello Sportello Epicentro Donna a Ponte di Piave

"L'ascolto e il dialogo permettono alle donne che vivono situazioni di violenza domestica o di emarginazione di sapere che è possibile dare e ricevere sostegno" ha dichiarato il sindaco

PONTE DI PIAVE Il Comune di Ponte di Piave, in occasione dell’avvicinarsi della Festa della Donna l'8 marzo, intende ripromuovere l'attività dello Sportello Epicentro Donna, servizio gratuito dedicato alle donne residenti nel Comune di Ponte di Piave. L'Assessore ai Servizi Sociali, Sante Morici, ha espresso grande soddisfazione per l'attività fin qui svolta dallo Sportello, confermando come l'Amministrazione Comunale creda fortemente nella presenza di tale servizio, tanto da investire, per la sua realizzazione, non solo fondi propri ma utilizzando anche quelli derivanti dalle donazioni del 5x1000.

"E' un ulteriore tassello che si aggiunge agli obiettivi di mandato di questa Amministrazione comunale. L'ascolto e il dialogo, permetteranno alle donne che vivono situazioni di violenza domestica o di emarginazione di sapere che è possibile dare e ricevere sostegno - ha dichiarato il Sindaco Paola Roma - Ponte di Piave in tal modo intende offrire ai propri cittadini un servizio a cui far riferimento in caso di necessità". Attivo dal giugno del 2015, lo Sportello è stato realizzato, in collaborazione con i Comuni di Chiarano, Gorgo al Monticano e Salgareda fino a giugno 2016, sia con risorse comunali che con fondi Regionali ottenuti grazie alla partecipazione ad un Bando Regionale volto a finanziare progetti degli Enti Locali per avviare e consolidare la presenza dei servizi QUIDonna a sostegno delle pari opportunità.

Allo Sportello in questo periodo si sono rivolte 35 donne (23 cittadine italiane e 12 cittadine straniere) con richieste prevalentemente rivolte alla soluzione di problematiche familiari, ricerca del lavoro, separazione e sostegno alla malattia.  La gestione dello sportello è stata affidata sin dall'inizio alla Cooperativa “La Esse”, data la comprovata esperienza maturata nella gestione delle politiche sulle pari opportunità e di genere, nella nostra Provincia. Epicentro Donna vuole essere un contesto fisico e relazionale a disposizione delle donne che potranno esprimere i propri bisogni, trovare supporto e sviluppare dei percorsi individuali e/o di gruppo. Offre accoglienza, ascolto, informazione e orientamento rispetto a diverse tematiche, quali: il percorso di vita, le dinamiche familiari (relazione di coppia, la maternità, la violenza, la conciliazione dei tempi di vita/lavoro), la ricerca attiva del lavoro, la formazione e le relazioni nella comunità. Il servizio, situato in Piazza Sarajevo 14/a, è aperto il martedì dalle ore 10,30 alle 12.  Si accede su appuntamento chiamando il numero 333 2160413

Lo Sportello Epicentro Donna, in vista dell'8 marzo, si caratterizzerà con queste iniziative: volantinaggio nei punti strategici e sensibili alla figura della donna. Luoghi e negozi frequentati principalmente da donne come ad esempio negozi di parrucchieri, panifici, medici di base e pediatri, parrocchie, etc...), consegna del volantino in biblioteca per ogni servizio di prestito, inserendo il volantino nel libro al momento del prestito, sensibilizzazione dello Sportello per mezzo e-mail e telefonata alle Associazioni di volontariato e culturali e promozione dello Sportello in occasione della rassegna cinematografica, organizzata dall'Associazione MoviMenti, Cinema Donna che il 10 Marzo propone la visone del Film “La vita Possibile” con ospite della serata la psicologa Claudia Ceccarello, Responsabile del settore Pari Opportunità della Coop. "La Esse".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Donna: ripromossa l'attività dello Sportello Epicentro Donna a Ponte di Piave

TrevisoToday è in caricamento