Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Via Credazzo

Festa musulmana: carcasse di pecore nei fossi, monta la protesta

A Farra di Soligo i residenti sono sotto choc per il ritrovamento di diverse carcasse di ovini, sgozzati in onore di una festa musulmana

FARRA DI SOLIGO - Carcasse di ovini in campi e vigneti e organi interni di animali lasciati marcire nei fossati. Questo è il macabro spettacolo a cui da giorni i cittadini di Farra di Soligo devono assistere sul loro territorio.

Come riporta "il Gazzettino" infatti, negli ultimi giorni la popolazione musulmana della zona avrebbe sgozzato diversi ovini in onore della festa religiosa dell'Id-al-adha (festa del sacrificio, ndr.), lasciando però i corpi degli animali lungo le strade cittadine o in campi privati. Tra i vari ritrovamenti si posso annotare quelli di via Credazzo, in un terreno coltivato da un ex assessore di Col San Martino, e di viale Europa nella frazione di Soligo.

Un rituale sacro quindi, ma lontano da usanze e abitudini italiane, tanto da far montare la protesta dei residenti della zona e soprattutto del sindaco Giuseppe Nardi che chiede rispetto e presa di responsabilità da parte della comunità locale musulmana. Anche perchè il recupero degni animali deceduti costa al Comune circa 200 euro per intervento, dovendo chiamare una ditta specializzata di Volpago del Montello. Inoltre l'amministrazione locale lamenta il fatto che molto spesso questi rituali vengono fatti anche in giardini pubblici o parchi di condomini di fronte ai bambini, fatto che per molte persone può causare un forte choc.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa musulmana: carcasse di pecore nei fossi, monta la protesta

TrevisoToday è in caricamento