menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il record: in 62mila nel 2014 per la Fiera Quattro Passi a Treviso

I numeri da record per IX edizione: nel 2013 nei due finesettimana si era toccata quota 60 mila, quest’anno almeno 2 mila in più

TREVISO - I numeri da record per IX edizione: nel 2013 nei due fine settimana si era toccata quota 60 mila, quest’anno almeno 2 mila in più. E se si rapporta la cifra con quella degli abitanti di Treviso, circa 80 mila, c’è davvero da riflettere: Alessandro Franceschini – Coop Pace e Sviluppo non ha dubbi, “Ormai l’economia che promuoviamo non è più di nicchia ma interessa sempre più persone”. Quello che piace è lo stile esperienziale della manifestazione e la capacità di proporre anno dopo anno esperienze virtuose nuove, magari curiose, ma sicuramente capaci di segnare il passo.

Già alle 16,00 la Fiera Quattro Passi era raggiungibile soltanto con i bus navetta in partenza dal Palaverde perché lungo la bretella che collega Lancenigo alla sede provinciale Sant’Artemio (Treviso), ben 3 chilometri e mezzo, non vi era più un parcheggio libero. Una folla immensa quella che ha visitato, anche in questo secondo weekend, la manifestazione, promossa dalla Cooperativa Pace e Sviluppo, e i numeri hanno toccato un picco mai raggiunto prima: 62 mila persone in quattro giornate.

La Fiera si attesta come il maggiore evento trevigiano e impone una considerazione: 62 mila manifestazioni di interesse verso quella che, fino ad ora, era stata considerata un’economia di nicchia – l’equo e solidale, ma anche le energie alternative, la mobilità sostenibile, il biologico, ecc. – in una città che conta circa 80 mila abitanti è un segnale non da poco. Alessandro Franceschini, ideatore della fiera, commenta così il dato: “Questo potrebbe essere il tema della prossima edizione, la X: la proposta di un’economia che sta uscendo dalla “riserva indiana” e sta diventando l’economia che la gente vuole”. Molto ha fatto, anche quest’anno, la formula esperienziale e family friendly, che fa della kermesse una manifestazione davvero per tutti: simbolo di questa vocazione domenica 1 giugno è stata la coloratissima mongolfiera di 30 metri, il Balloon Theatre, montata nel bel mezzo del parco, e diventata un meraviglioso teatro.

COMMENTI Segnali di apprezzamento arrivano anche dal presidente dell’Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale (WFTO) Rudi Dalvai, che ha inaugurato sabato 24 maggio la Fiera: “Quattro Passi è l’evento dell’economia solidale e sostenibile più importante e significativo d’Italia e forse uno dei più importanti al mondo”. Parole confermate anche da Franceschini, in veste di presidente Agices (Assemblea generale italiana del commercio equo e solidale): “La fiera ha dettato un trend che diverrà nazionale, quello dell’equo e solidale “di casa nostra”: accanto all’attenzione per prodotti e produttori del Sud del mondo, che da sempre connota il commercio equo, ora è necessario affiancare quella ai casi di eccellenza del nostro territorio, dal biologico al chilometri zero, alla produzione carceraria e molto altro ancora”.

Organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia), con Altromercato, Contarina Spa., Coordinamento  provinciale delle Associazioni di Volontariato di Treviso, Novamont Spa e con il patrocinio e contributo di Provincia di Treviso, Regione Veneto e Comune di Treviso, al Parco Sant’Artemio di Treviso, la fiera quest’anno tocca anche un altro record, quello degli espositori: sono stati 180, provenienti da tutta Italia. E impossibile non citare il piccolo esercito di volontari che ha reso possibile l’evento, ben 300 persone nel corso delle quattro giornate.

La fiera intesa come percorso espositivo si è conclusa domenica 1 giugno, tuttavia un altro evento sancirà il termine della IX edizione, lunedì 2 giugno alle 20,45 all’Auditorium Stefanini Amnesty International invita tutti i visitatori allo spettacolo teatrale “Ammazzateli tutti”, pièce di teatro civile e di narrazione di Marco Cortesi e Mara Moschini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento