Cronaca

Caso Monsanto, la Cia prende le distanze da Coldiretti: "Boicottaggio incomprensibile"

La partecipazione alla Fiera di Santa Lucia della multinazionale ha scatenato un vespaio. La Confederazione Italiana Agricoltori: "Le polemiche inutili e pretestuose non servono agli agricoltori"

SANTA LUCIA DI PIAVE «Sono stupito dall'attacco fatto all'Ente Fiera, la Fiera dell'agricoltura di Santa Lucia è un evento da sempre artefice del progresso del territorio. Ritengo che la Coldiretti debba riflettere sulla polemica innescata, attraverso il Consorzio agrario di Treviso e Belluno sono distributori e venditori dei prodotti della Monsanto. Non comprendo perchè Coldiretti voglia boicottare la Fiera di Santa Lucia, polemizzando proprio sulla presenza della multinazionale». Così il presidente della Cia Treviso, Giuseppe Facchin, interviene sul dibattito che scatenato da Coldiretti, per la presenza di Monsanto Spa alle Fiere di Santa Lucia. Lo sguardo della Cia vuole essere propositivo e non polemico.

«Quest’anno in particolar modo la Fiera di Santa Lucia ha colto il tema oggi chiave per l’agricoltura del territorio, la sostenibilità ambientale - aggiunge il presidente Cia, Giuseppe Facchin - creando opportunità di informazione, confronto e approfondimenti, ai quali prenderanno parte molte tra le principali e più autorevoli voci della ricerca e della consulenza in agricoltura, punti di riferimento per il settore veneto. Qualunque contributo costruttivo e attivo al dibattito sul tema, per il progresso del settore, noi lo vediamo di buon grado».

Cia conferma la sua presenza alla prossima edizione della Fiera internazionale dell'agricoltura di Santa Lucia. «La Confederazione Italiana Agricoltori sarà come sempre presente alla Fiera perchè vogliamo esserci, dove si fa qualcosa di buono per l'agricoltura e dove ci sono gli agricoltori  – conclude il presidente Cia, Giuseppe Facchin - Un plauso all’azienda speciale Santa Lucia Fiere e al suo presidente Domenico Da Bo', che ha anche internazionalizzato questa manifestazione, dando lustro al nostro territorio. Se Coldiretti e Campagna Amica non saranno presenti, ce ne faremo una ragione. E’ un’altra occasione persa per loro. Le polemiche inutili e pretestuose non servono agli agricoltori».

Dello stesso parere è anche Lodovico Giustiniani, Presidente di Confagricoltura Treviso: "Sabato mattina aprendo il giornale, in prima pagina, c’era un  duro attacco della Coldiretti verso gli organizzatori della Fiera Agricola di Santa Lucia di Piave, rei di avere invitato tra gli espositori e tra i relatori di un convegno la Monsanto, multinazionale “causa di tutti i mali dell’agricoltura italiana”. L’articolo mi ha fatto sorridere e allo stesso tempo mi ha fatto riflettere su quanta strada debba ancora fare l’agricoltura italiana per stare al passo coi tempi. Mi ha fatto sorridere perchè nell’articolo si parla di abbandono della Fiera per  “coerenza di scelte” : la Coldiretti non puo’ stare dove sta la Monsanto. Piu’ che parlare di coerenza di scelta mi pare che si debba parlare di opportunità di scelta. Nell’ambito della Fiera di Santa Lucia di Piave è bene ergersi come difensori dei consumatori demonizzando chi produce sementi Ogm o fitofarmaci e diserbanti, mentre, ad esempio, all’interno del Consorzio Agrario di Treviso e Belluno, a gestione Coldiretti, è bene fare cassa vendendo agli agricoltori trevigiani i prodotti della Monsanto e aprendo punti vendita Campagna Amica. L’agricoltura italiana deve fare ancora tanta strada per crescere e per essere competitiva sui mercati globali  e comportamenti di talune organizzazioni non  aiutano tale percorso. Concludo con un plauso agli organizzatori della Fiera Agricola di Santa Lucia di Piave che ogni anno organizzano un evento che è un punto di riferimento per gli agricoltori trevigiani dove si parla spesso di ricerca ed innovazione applicata. Alla nostra agricoltura serve proprio  questo per crescere e non sterili polemiche dettate dalla voglia di apparire a tutti costi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Monsanto, la Cia prende le distanze da Coldiretti: "Boicottaggio incomprensibile"

TrevisoToday è in caricamento