Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Si rifiutano di pagargli gli alimenti: padre invalido fa causa ai figli e li manda in galera

Protagonista della vicenda un ottantaduenne trevigiano, invalido civile, costretto a vivere con poche centinaia di euro al mese. I figli si erano sempre rifiutati di aiutarlo

TREVISO Dovranno scontare un mese in galera e versare una somma pari a cinquemila euro i due figli di un pensionato trevigiano che, esasperato per le continue richieste di aiuto costantemente ignorate dai suoi cari, ha deciso di far loro causa facendoli finire in prigione.

Protagonista della vicenda un pensionato di 82 anni, invalido civile e inabile al lavoro, che da diverso tempo si trovava costretto a tirare avanti con una misera pensione di 600 euro al mese di cui 300 andavano via per pagare le spese d'affitto. Impossibile arrivare in queste condizioni a fine mese e così, dopo una vita di sacrifici per crescere i figli, l'uomo si è rivolto proprio a loro due per chiedere un piccolo aiuto economico in modo da riuscire vivere con un po' più di tranquillità economica. La risposta però non è stata molto incoraggiante. I due figli dell'anziano signore si sono infatti rifiutati per diversi mesi di versare anche solo un euro nel conto corrente di quel genitore che dopo averli cresciuti era rimasto solo e in gravi difficoltà economiche. Esasperato da una situazione divenuta ormai insostenibile, l'uomo si è rivolto allo studio legale dell'avvocato Fabio Capraro e ha deciso di denunciare i suoi eredi per violazione della legge sull'obbligo al sostegno economico dei familiari. Il giudice nelle scorse ore ha deciso di condannare i figli di 57 e 45 anni a un mese di galera e al pagamento di una somma pari a cinquemila euro. Una somma certo non enorme ma dal grande valore simbolico per ripagare, almeno in parte, le numerose pene sofferte da questo padre di famiglia trevigiano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rifiutano di pagargli gli alimenti: padre invalido fa causa ai figli e li manda in galera

TrevisoToday è in caricamento