rotate-mobile
Cronaca

Genitori ricattati e minacciati dal figlio sedicenne

Un ragazzo di 16 anni è stato denunciato dai genitori adottivi per estorsione, minacce e lesioni. Dopo una fuga da casa è stato trasferito in una comunità protetta

Un rapporto difficile quello tra un sedicenne e i suoi genitori adottivi, tanto turbolento da prendere le forme dell'estorsione. Protagonisti della vicenda una coppia di ultracinquantenni e il figlio adottivo, proveniente dall'Est europeo, denunciato dai genitori per estrosione, minacce e lesioni.

Il ragazzo, che aveva creato problemi sin dal suo arrivo in Italia, ha sottoposto i genitori a una lunga serie di dispiaceri. Più volte la coppia è stata malmenata dal figlio, che in un'occasione ha anche estorto 20 euro alla madre, minacciandola di far sparire un prezioso album di monete antiche.

Lasciato l'istituto professionale che frequentava a Treviso, il sedicenne era stato assegnato a una comunità educativa a Conegliano. Ma è fuggito, cosa che gli riusciva di frequente e particolarmente bene, come successo lo scorso 4 aprile. Allontanatosi, il giovane aveva trovato rifugio da alcuni amici, per fare ritorno a casa solo venti giorni dopo.

Ad attenderlo sulla porta, però, questa volta non ha trovato solo mamma e papà, affranti e preoccupati, ma anche i Carabinieri, che su disposizione del Tribulae per i minori di Venezia hanno condotto il ragazzo in una comunità protetta di Marghera (Venezia), dalla quale si spera non fugga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genitori ricattati e minacciati dal figlio sedicenne

TrevisoToday è in caricamento