rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca Refrontolo / Via Molinetto

Nessun fondo per la tragedia del Molinetto: Puppato e Bisinella attaccano Zaia

Le senatrici di Partito Democratico e di Fare! accusano la Regione Veneto e il suo governatore di non aver inserito Refrontolo tra i comuni colpiti da eventi calamitosi

REFRONTOLO “I toni trionfalistici di Luca Zaia sono fuori luogo e risultano quasi offensivi per tanti cittadini come quelli di Refrontolo che pagano ancora una volta la lentezza della Regione che ci mise 6 mesi per richiedere lo stato di emergenza dopo la bomba d’acqua che li colpì il 2 agosto 2014, questo vantarsi è un triste tentativo di intestarsi un successo che non appartiene minimamente alla sua giunta e per coprire gli errori marchiati invece tutti Lega Nord”. Lo dice Laura Puppato, rispondendo a distanza al Governatore.

“Il Governo nazionale ha finanziato per la prima volta la legge sui danni da calamità naturali e grazie a questo intervento arriveranno anche in Veneto 31 milioni di euro per gli eventi avversi che hanno colpito la nostra regione tra il 2013 e il 2015 - ha spiegato - è un risultato importantissimo che attendavamo da tempo e che concretizza un percorso iniziato in questa legislatura con il Governo Letta e convintamente ripreso dal Governo Renzi. Con questi fondi si potranno coprire i danni subiti da privati e imprese in eventi come il tornado che ha colpito la Riviera del Brenta o altri eventi precedenti e successivi che purtroppo periodicamente colpiscono il nostro territorio, anche per la dimensione dell'incuria verso le zone a rischio esondazione e frane dove si è concesso di edificare in percentuali in Veneto doppie alla media europea".

“Non vediamo purtroppo nella lista Refrontolo e meglio avrebbe fatto Luca Zaia, come da tempo ho denunciato infatti lì è mancata la puntuale richiesta della Regione Veneto. Oggi l'evidenza dei fatti non ammette repliche, attendiamo le scuse per gli errori commessi e la garanzia che la regione interverrà per risolverli anziché vantarsi di un provvedimento nazionale per cui non ha alcun merito e che, infatti, riguarda 40 eventi dell’intero paese. ."ha concluso.

«Il governatore del Veneto Luca Zaia canta vittoria e si prende il merito del fatto che il Consiglio dei Ministri abbia stanziato i soldi per i danni dovuti alle calamità naturali in Veneto nell’ultimo triennio, peccato però che per quanto accaduto due anni fa al Molinetto della Croda a Refrontolo non arriverà nulla». Lo afferma invece la senatrice di “Fare!” Patrizia Bisinella. «Per Refrontolo non è stanziato niente di quei 31 milioni di euro messi a disposizione dal Consiglio dei Ministri, e questo non per demerito del Governo stesso, ma per colpa della Regione Veneto, che presentò la documentazione inerente allo stato di emergenza dopo mesi dai fatti, compromettendo l’iter per l’ottenimento dei risarcimenti – sottolinea ancora Bisinella -. Quindi è inutile che ora Zaia canti vittoria per stanziamenti da anni attesi e per i quali Parlamento e Governo si sono doverosamente attivati a prescindere da quanto chiesto dalla stessa Regione, che invece all’epoca non aveva mosso un dito in più rispetto ad occuparsi della solita burocrazia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun fondo per la tragedia del Molinetto: Puppato e Bisinella attaccano Zaia

TrevisoToday è in caricamento