Sala slot a Fontanelle: il Tar conferma il no all'apertura

Il Comune di Fontanelle aveva negato il permesso sulla base del collegato alla legge di stabilità regionale 2017 che prevede zone limitate per i nuovi esercizi con offerta di gioco

FONTANELLE I divieti posti dalle norme regionali all’apertura di nuove sale da gioco devono essere rispettati anche se si è in possesso della licenza di pubblica sicurezza. Lo ha stabilito, come riporta Agipronews, il Tar Veneto nella sentenza che respinge il ricorso della Alma srl, a cui il Comune di Fontanelle ha negato il permesso di apertura di una sala. Rifiuto basato sul collegato alla legge di stabilità regionale 2017, che prevede zone limitate per i nuovi esercizi con offerta di gioco. L’Alma aveva ottenuto la licenza di polizia, ma i giudici scrivono che tale autorizzazione “viene rilasciata esclusivamente in relazione e con riguardo ai profili dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica, con l’ovvia conseguenza che il predetto titolo non consente di superare eventuali divieti posti da norme regionali e comunali per finalità socio-sanitarie e urbanistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre la licenza è stata rilasciata a febbraio 2017, quasi due mesi dopo l’entrata in vigore della legge: “La ditta ricorrente non poteva certamente pretendere di installare apparecchi da gioco in virtù del predetto titolo di polizia”, si legge ancora. Nemmeno può essere sostenuto che la sala funzionasse già prima della legge solo in base al gatto che il locale in questione era già “esistente”: tale termine “va inteso nel senso che la sala giochi, per non subire le restrizioni, doveva essere in esercizio, e cioè in attività all’entrata in vigore della legge, essendo affatto irrilevante e inconferente che precedentemente lo stesso locale avesse ospitato eventuali, analoghe iniziative, comunque cessate, con conseguente chiusura del locale, ben prima che l’odierna ricorrente ne acquisisse la disponibilità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Lutto per lo scoutismo trevigiano: malore improvviso stronca Mario Favaretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento