Blitz dei carabinieri nella casa del sesso, cliente beccato con le squillo

Arrestata la maitresse, una donna cinese 40enne, accusata di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Ora reclusa nel carcere di Venezia in attesa della convalida

Una professionista al lavoro

Sono stai giorni  di paziente appostamento fino a quando è scattata la trappola: dentro all'appartamento, a Onè Di Fonte, una prostituta "beccata" nell'atto di consumare un rapporto. E' finita così in manette Sun Jie,una cinese 40enne, accusata di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. La donna è ora reclusa nel carcere di Venezia  in attesa della convalida. Cinese è anche la 39enne  trovata mentre "intratteneva" all'interno di quello che, sospettano gli investigatori era un vero e proprio bordello, un 38enne di Fonte. 

A destare i sospetti degli inquirenti il vai e vieni sospetto di uomini segnalato a partire dal gennaio di quest'anno da chi abitava nei paraggi. E così, seguendo le indicazioni che venivano dai vicini della maitresse i carabinieri hanno iniziato le attività di appostamento nei pressi della casa di piacere, che si trova in Via Castellana. Per arrivare, poi, a identificare alcuni delle persone che la frequentavano alla ricerca di sesso a pagamento. L'operazione, scattata nei giorni scorsi, è partita grazie proprio ad una di queste "confessioni". I carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento, che è stato sequestrato, dove hanno travato la tenutaria e l'altra donna, impegnata con un uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento