menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Treviso il primo forum europeo promosso da Onu e Sole Luna

Al Sole Luna Festival di Treviso è stato presentato giovedì mattina il primo incontro del Forum Europeo promosso dalle Nazioni Unite

TREVISO L'Ufficio delle Nazioni Unite per la Prevenzione del Genocidio e la Responsibilità di Proteggere ha organizzato un incontro su “Il ruolo dei leader religiosi in Europa per la prevenzione dell'incitamento alla violenza che può portare a crimini atroci” nei giorni 17 e 18 Settembre a Treviso. L'incontro è stato organizzato in cooperazione con il Comitato Italiano per i Diritti Umani e con il supporto del Ministero degli Affari Esteri Italiano.

I partecipanti all'incontro hanno discusso del ruolo dei leader religiosi e delle medesime organizzazioni europee nella la prevenzione di crimini atroci (genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità), e in particolare l'incitamento di tali crimini. L'incontro a Treviso si è basato sul forum globale coi leader religiosi che ha avuto luogo a Fez, in Marocco, il 23 e 24 Aprile scorsi e che ha portato alla Dichiarazione e Piano d'Azione di Fez. Questi documenti impostano sia principi da seguire che le azioni concrete che i leader religiosi possono adottare per prevenire e contrastare l'incitamento alla violenza che può portare a crimini atroci. A Treviso, i leader religiosi e rappresentanti di organizzazioni religiose in Europa hanno poi sviluppato una strategia per l'attuazione del Piano d'Azione nel contesto europeo.

“Prevenire tensioni tra le comunità e promuovere la reciproca comprensione e l'accettazione del “diverso” richiede il coinvolgimento di tutti i settori della società” ha osservato Adama Dieng, Consigliere Speciale delle Nazioni Unite sulla Prevenzione del Genocidio “Ma soprattutto i leader religiosi possono svolgere un ruolo fondamentale, data la profonda influenza che hanno sui loro sostenitori. A livello comunitario, nazionale e internazionale, i leader religiosi possono e devono intraprendere azioni per prevenire, mitigare e risolvere tensioni e conflitti tra comunità credenti e praticanti diverse fedi. Facendo questo, possono aiutare a prevenire i diversi tipi di violenza che potrebbero portare a crimini atroci".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Con un cinque al Superenalotto vince 17mila euro

  • Cronaca

    Ruba un aspirapolvere, 43enne arrestata dai carabinieri

  • Meteo

    Veneto, tornano piogge e temporali: «Rischio nubifragi a metà settimana»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento