rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Montebelluna

Furgone rubato pieno di merce trafugata: 39enne in manette

I carabinieri di Montebelluna hanno fermato in stazione a Signoressa un 39enne albanese accusato di resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione. A Ponzano altri due albanesi hanno aggredito i militari dell'Arma

I carabinieri di Montebelluna hanno arrestato nel fine settimana appena trascorso, in due distinte operazioni, tre stranieri colpevoli di reati contro il patrimonio e la persona.

A Signoressa, nel parcheggio della stazione dei treni, è stato arrestato nella serata di sabato 20 novembre P.B., 39enne di origini albanesi, gravato da numerosi precedenti penali. Lo straniero è stato bloccato mentre saliva su un furgone che, come accertato dai carabinieri, era stato rubato in provincia di La Spezia ai primi di novembre. Il 39enne, nel tentativo di darsi alla fuga, ha opposto resistenza ma è stato immobilizzato dai militari dell'Arma. All’interno del furgone Fiat Doblò è stato trovato diverso materiale di dubbia provenienza: alcune centinaia di euro in contanti, una decina tra felpe, maglioni e berretti griffati di varie marche, cinque paia di pantaloni, monili, un paio di borse da donna, una da uomo oltre a: guanti da lavoro, punte di trapano, flessibili da professionista, due torce, cacciaviti e chiavi inglesi. Le indagini hanno consentito di accertare come gran parte di questi oggetti fossero stati rubati qualche giorno fa ad un 40enne della provincia di Bolzano che aveva denunciato l’intrusione di ladri in casa. Entrati dalla finestra del soggiorno i malviventi si erano allontanati dopo aver rubato vari capi di abbigliamento. Il 39enne fermato a Signoressa, una volta immobilizzato dai carabinieri, ha cercato di dare false generalità ai carabinieri. Ora dovrà rispondere delle accuse di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Treviso.

Arresto CC Montebelluna (dettaglio refurtiva)-2

Sono invece stati giudicati per direttissima, nella mattinata di lunedì 22 novembre, il 32enne B.O. e il 33enne D.A., entrambi di origini albanesi, arrestati dai carabinieri di Paese nella tarda serata di domenica per resistenza a pubblico ufficiale in concorso. I carabinieri, in transito a Ponzano Veneto verso le 23 di sera, avevano notato i due stranieri litigare tra di loro, in evidente stato di alterazione psico-fisica. Nel tentativo di sedare la lite e di dividere i contendenti, i due si sono scagliati contro i militari dell’Arma spintonandoli prima di venire immobilizzati e fermati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furgone rubato pieno di merce trafugata: 39enne in manette

TrevisoToday è in caricamento